Nella tarda serata di giovedì 19 gennaio, tre delle società che compongono l’intermediazione istituzionale di criptovalute Genesis hanno presentato istanza di protezione dal fallimento ai sensi del Capitolo 11.

Secondo i documenti del tribunale fallimentare presentati dal CEO ad interim Derar Islim, la società di prestito di criptovalute Genesis ha detenuto 5,1 miliardi di dollari di passività nelle settimane successive alla sospensione del ritiro a novembre.

genesis
Adobe Stock

Islim ha fornito una descrizione della situazione finanziaria di Genesis prima della sua riorganizzazione nella sua mozione del primo giorno presso il tribunale fallimentare degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York.

Presentando la richiesta di protezione dal fallimento secondo il capitolo 11 nella tarda serata di giovedì, tre delle entità di Genesis, Genesis HoldCo, Genesis Global Capital LLC e Genesis Asia Pacific PTE. LTD — è diventata la terza società di criptovalute a essere colpita dai rapidi effetti postumi del crollo di FTX.

Le conseguenze del crollo del colosso del mondo cripto

Forse la “corsa agli sportelli” provocata da Islim dal loro crollo ha avuto un impatto maggiore su quelle aziende rispetto alle perdite effettive subite da FTX e dalla consociata Alameda. I clienti hanno fatto pressioni su Genesis affinché rimborsasse 827 milioni di dollari di prestiti. In questo modo hanno però portato al congelamento dei prelievi da parte delle sue divisioni di prestito.

“Anche la società madre di Holdco, Digital Currency Group (DCG), e le sue varie controllate, tra cui DCG International Investments Ltd., sono state colpite dalle turbolenze del mercato e non sono state in grado di rimborsare alla Società alcuni prestiti, il che ha messo a dura prova i bilanci di Holdco i debitori”. Queste le parole di Islim.

A causa della perdita di 1,2 miliardi di dollari di Genesis contro l’hedge fund di criptovaluta Three Arrows Capital (3AC), fallito nell’estate del 2022, almeno una parte della crisi di liquidità è iniziata mesi prima. Tale perdita ha avuto origine dalla divisione Genesis Asia Pacific, che ha supervisionato l’accordo di finanziamento di Genesis con 3AC. Poco dopo ha dichiarato bancarotta. Secondo la denuncia, Genesis aveva $2,4 miliardi di prestiti non pagati al fondo al momento del fallimento di 3AC. Di questi Genesis è stata in grado di recuperare solo la metà.

DCG ha già attuato manovre di salvataggio per Genesis

L’anno scorso, DCG si è assunta gran parte di tale rischio scambiando una cambiale di 10 anni con 1,2 miliardi di dollari di Genesis nei confronti di 3AC. Questa nota è attualmente al centro di una disputa pubblica tra DCG e l’exchange di criptovalute Gemini sul prodotto di rendimento Earn. Gemini è il più grande creditore di Genesis, con debiti per un totale di oltre $700 milioni.

I processi fallimentari, secondo Islim, “incentivano tutte le parti a lavorare rapidamente verso un accordo consensuale che eviti i costi e l’incertezza del contenzioso”.
La maggior parte delle società non prestatrici di Genesis sono ancora attive, secondo Islim. Ciò vale anche per le sue divisioni di derivati, negoziazione e custodia, ciascuna delle quali è ospitata da una diversa organizzazione legale che si è astenuta dal dichiarare fallimento.

L’implosione dell’ecosistema terraUSD (UST)a maggio, che ha visto la distruzione della stablecoin algoritmica di Terra-LUNA vaporizzare decine di miliardi di dollari in denaro, è stato il primo grande domino in questa spirale di morte crittografica prima dei fallimenti di FTX e 3AC. Ora che il fallimento può essere collegato a quell’incidente, Genesis si unisce a BlockFi, Voyager, Celsius e altre società in quella categoria.

La scomparsa di luna e UST, seguita dallo scioglimento di 3AC, “ha segnato l’inizio di un nuovo inverno crittografico”. Oltre ad una crescente riluttanza a livello di settore a condurre affari con aziende che trattano risorse digitali, secondo Islim.