Apple ritarda il lancio del suo rivoluzionario visore per problemi tecnici: ecco quando uscirà sul mercato il gadget più atteso.

Il visore per la realtà mista di Apple arriveranno a giugno. Ma per il momento il tentativo di creare un paio di occhiali per la realtà aumentata sembra essersi imbattuto in qualche problema tecnico.

apple
Adobe Stock

Il Reality Pro di Apple combina la realtà virtuale e la realtà aumentata in un pacchetto molto più leggero di tutto ciò che è disponibile ora. Ma gli occhiali AR veri e propri vengono rimandati a tempo indeterminato. Vediamo perché.

Apple ritarda il lancio del visore per problemi tecnici: ecco quando uscirà sul mercato

Il prossimo visore per la realtà mista – Reality Pro – avrà funzionalità sia di realtà aumentata che di realtà virtuale. Si pensa che sia più piccolo, più leggero e più avanzato dal punto di vista ottico rispetto alle versioni concorrenti, tutti elementi necessari affinché i mondi virtuali immersivi chiamati metaversi diventino una realtà mainstream.

Alcuni metaversi, tra cui Decentraland e The Sandbox, sono costruiti sulla tecnologia blockchain. Più in generale, l’idea di un Web3 di nuova generazione è spesso legata alle funzionalità VR.

Tuttavia, il Reality Pro di Apple è un prodotto di nicchia che prevede l’installazione di un monitor con telecamere esterne sugli occhi dell’utente.

Gli occhiali AR, invece, si dice siano più simili a normali occhiali con la capacità di sovrapporre dati al mondo reale, e quindi molto più utilizzabili su base quotidiana. Secondo quanto riportato da Bloomberg, il progetto non ha ancora una scadenza.

Uno degli ostacoli maggiori sembra essere la batteria per questo prodotto successivo. Attaccarla al dispositivo stesso lo renderebbe pesante e alimenterebbe i problemi di sicurezza. Ma anche se si trovasse una soluzione, la durata della batteria sarebbe un problema, in quanto si dubita che possa durare un’intera giornata.

Con un costo previsto di almeno 3.000 euro, il Reality Pro di Apple avrà un monitor ad altissima risoluzione, un chip Mac M2 completo, un chip AR/VR separato e 10 telecamere pass-through per consentire agli utenti di indossarlo mentre si muovono per ottenere una sovrapposizione AR del mondo reale. Sarà inoltre dotato di una serie di sensori, tra cui il tracciamento degli occhi, che lo renderanno adatto ai giochi in realtà virtuale e agli ambienti di lavoro.

Apple sembra non gradire l’espressione “metaverso”, forse perché è stata adottata da Mark Zuckerberg, che ha ribattezzato Facebook Meta. E che, tra l’altro, ha dato una cattiva fama al concetto di metaverso più ampio con una grafica risibilmente scadente in Horizon Worlds.

L’azienda produce però quello che è considerato il miglior headset VR mainstream, Quest.

L’headset Quest 2 di Meta, il più venduto, costa 399 dollari ed è piuttosto grande – in pratica è come se si legasse al viso uno smartphone curvo. Il Quest Pro invece è leggermente più piccolo e più avanzato, costa 1.499 dollari. La versione di Apple dovrebbe essere molto più piccola e leggera, ma per il doppio del prezzo.

Google Glass 2?

Gli occhiali AR di Apple sono simili per concezione agli occhiali Google Glass. Ma gli occhiali di Google non sono riusciti a guadagnare consensi durante il breve periodo di vita dal 2013 al 2015. Anche se è ancora disponibile una versione enterprise per il mondo del lavoro.

La stessa Google sta riavviando il concetto di “consumer-focused”. Alla conferenza I/O di maggio, Google ha annunciato una nuova versione di occhiali AR. Il gadget ha la capacità di tradurre le conversazioni in diverse lingue in tempo reale, utilizzando un overlay AR basato sul testo.

Un post sul blog del CEO di Google e Alphabet Sundar Pichai includeva un video che annunciava i nuovi Google Glass.