In questo articolo parleremo delle implicazioni pratiche del Metaverso e della Realtà Virtuale in ambito sportivo professionistico.

La realtà virtuale potrebbe finalmente diventare mainstream e potrebbe (un giorno) giocare un ruolo importante nel mondo dello sport.

token metaverso
Adobe Stock

Un’atleta che sta già immaginando come la tecnologia del futuro possa essere implementata nello sport è Tori Ortiz, atleta dell’Oklahoma State University.

Metaverse Culture Series, uno sguardo al futuro e uno al passato

Di recente Tori Ortiz ha partecipato al Metaverse Culture Series (MCS) organizzato dalla società madre di Facebook, Meta. Gli eventi hanno lo scopo di facilitare le conversazioni sulla tecnologia e sulle comunità sottorappresentate, e molte delle discussioni si svolgono nel “metaverso” VR, uno spazio in cui gli utenti possono interagire con gli altri in un mondo virtuale usando degli avatar.

L’anno scorso Meta ha lanciato MCS con Black Future, seguito da Women Beyond, Pride Unbound e un documentario realizzato con creatori musulmani per il Ramadan.

L’ultimo evento MCS dell’anno, Tercera Cultura, ha esplorato la cultura e l’identità ispanica.

Ortiz, la cui famiglia ha radici a Porto Rico, ha dichiarato a PEOPLE durante una recente intervista utilizzando l’applicazione Horizon Workrooms di Meta, che funge da ufficio virtuale nel metaverso. “Per quanto io sia di terza generazione e di terza cultura, rappresento la seconda cultura, la prima cultura, e cerco di portare ancora tutto nella mia vita quotidiana“.

“Anche se non sono stata a Porto Rico, non sono cresciuta e non ho vissuto a Porto Rico, cerco comunque di trovare il modo di portare tutto questo nella mia vita quotidiana e di mantenere la prima cultura e la prima generazione, tutto questo, nel cuore e di sapere da dove vengo e quali sono le mie vere radici“, aggiunge. “E questo è molto importante quando si fa qualcosa nella vita. Perché un seme viene piantato, e tutti noi cresciamo da qualche parte – e io sono cresciuta da lì”.

Tra mostre virtuali e incontri nel Metaverso

A Tercera Cultura hanno partecipato anche Sara Mora, fondatrice di Population MIC, il fotografo Juan Veloz e Jillian Mercado, modella e attrice disabile.

L’azienda si è inoltre avvalsa dell’artista COVL per creare una mostra virtuale chiamata Nuevo Norte, accessibile in Horizon Worlds e attraverso una “esperienza di realtà mista” all’Art Basel di Miami, in Florida.

L’installazione virtuale Nuevo Norte si basava su frammenti di cultura ispanica ed era influenzata dall’educazione di COVL a Porto Rico e a Miami.

Entrare e sentirsi accolti in un luogo che rappresentava la mia famiglia e la mia cultura è stato fantastico“, racconta Ortiz a proposito dell’installazione. “So che in questo mondo ci sono molte persone che non si sentono sempre benvenute. E credo che la serie culturale ti permetta di sentirti a casa, di avere una voce e di essere ascoltato ovunque tu vada e qualunque cosa tu faccia. Mi rende entusiasta perché continuerà a crescere e darà un’opportunità a tante persone“.

I passi da gigante della Realtà Virtuale

Nell’ultimo decennio, la tecnologia VR ha fatto un salto enorme, passando dall’essere una fantasia degli anni ’80 a qualcosa di disponibile sugli scaffali dei negozi. Per molte persone, la prima esperienza con la VR può essere un videogioco, come Beat Saber, un titolo popolare che vede i giocatori colpire cubi volanti con armi simili a spade seguendo il suono di un ritmo.

Mentre il gioco VR sta letteralmente esplodendo – Meta, la società madre di Facebook, ha registrato oltre 1,5 miliardi di dollari di vendite sul Quest Store a partire dall’ottobre 2022 con la sua linea di cuffie Meta Quest, e altre società di gioco, come Sony Interactive Entertainment, offrono le proprie cuffie, come il PSVR 2 – c’è una spinta emergente per integrare la VR in più settori, non solo nell’intrattenimento.

Uno di questi settori è lo sport. Un’applicazione, Win Reality, offre ai giocatori di baseball un campo virtuale per partecipare agli allenamenti di battuta. Altre, come The Thrill of the Fight e Les Mills Body Combat, offrono allenamenti in VR.

La Realtà Virtuale nel mondo dello sport

Ortiz, che nel 2022 si è guadagnata il riconoscimento di First-Team Academic All-Big 12, dice di prevedere che gli atleti potranno usare la VR ancora di più in un futuro (forse non troppo lontano).

Sarebbe davvero interessante come applicazione tecnica per la pista“, dice. “Perché quando si è velocisti, oltre alla velocità e alla resistenza, si tratta anche di tecnica. E molte volte imparare la tecnica è così difficile perché ci sono così tante cose noiose da fare“.

Penso che sarebbe davvero piacevole prendere il mondo della pista e tutto ciò che riguarda la realtà virtuale e metterli insieme per aiutare gli atleti a svilupparsi a casa“, aggiunge Ortiz.

Anche se c’è ancora molto da costruire, parti del metaverso vengono già utilizzate per interagire ogni giorno, con scelte popolari come l’applicazione Horizon Worlds di Meta o altre come The Sandbox e Decentraland. Alcuni sostengono addirittura che Fortnite, di per sé, sia un metaverso funzionante.

Per Ortiz, la sua prima esperienza ha lasciato un’impressione che, a suo dire, la accompagnerà per molto tempo.

Quando sono entrata per la prima volta, e soprattutto negli Horizon Worlds, ti senti come se fossi in un posto completamente diverso, ma a casa tua“, dice. “E credo che questa sia una delle cose più belle“.