I dati mostrano che i miner di Bitcoin potrebbero liquidare le loro grandi posizioni di mercato, il che potrebbe far deragliare la tendenza al rialzo del prezzo di Bitcoin (BTC) che sembra prevalere da una settimana.

Il mese di gennaio ha fornito la volatilità che i tori di Bitcoin speravano; la domanda ora è se possono sostenerlo o meno. Questa sembra essere la cura per la continua emorragia dell’anno scorso verso prezzi più bassi.

mining criptovalute bitcoin
Adobe Stock

La capitalizzazione di mercato di Bitcoin (BTC) ha appena superato quella di Visa e MasterCard messe insieme, come risultato del recente aumento del prezzo della criptovaluta oltre il livello di $ 20.000. Tuttavia, alcune misure sulla catena stanno sollevando allarmi e suggerendo un potenziale ostacolo al recente aumento dei prezzi di Bitcoin.

La pressione dei miner per vendere Bitcoin

Un analista di criptovalute ha affermato che i minatori di Bitcoin potrebbero esercitare pressioni di vendita sul mercato al momento in un post su CryptoQuant. L’indicatore più importante in questo caso è il “Miners’ Position Index” (MPI), che misura la differenza tra i deflussi dei minatori e la loro media mobile di 365 giorni.

La quantità totale di Bitcoin che tutti questi validatori di catena stanno ora ritirando dai loro portafogli viene definita “deflussi di minatori”. La maggior parte delle volte, i miner prelevano le scorte di monete dalle riserve con l’obiettivo di venderle sul mercato aperto delle criptovalute. Di conseguenza, un valore elevato dei deflussi potrebbe suggerire che questa organizzazione stia ora smaltendo quantità considerevoli di BTC.

Il valore dell’indicatore può mostrare come l’attuale vendita del minatore si confronta con la media dei 365 giorni precedenti come conseguenza del MPI che confronta questi deflussi con la loro media annuale. Quando questo indicatore ha un valore elevato, significa che ora i minatori vendono più del solito.

D’altra parte, se il valore di questa metrica è basso, potrebbe segnalare che questi validatori di Bitcoin non sono sottoposti a una pressione di vendita così forte come lo erano in media durante l’anno precedente.

imminente calo dei prezzi per bitcoin (BTC)

Come mostrato nel grafico sopra, l’indice dei prezzi di mercato (MPI) per Bitcoin ha recentemente registrato un aumento significativo. L’indicatore ha appena raggiunto un valore di circa 4, che è il livello più alto che abbia mai raggiunto dall’aprile 2022.

Il valore elevato della metrica potrebbe suggerire che i mining stanno estraendo un numero di monete molto maggiore di quanto non sia consueto, il che potrebbe mettere un valore eccezionale elevata pressione di vendita sul mercato in questo momento. L’indicatore ha rilevato valori elevati per l’ultima volta dopo la scomparsa del grande exchange di criptovalute FTX. Quando il prezzo di Bitcoin (BTC) ha registrato un forte calo.

Al momento in cui scriviamo, il prezzo di un bitcoin (BTC) è di 20.811 dollari. Secondo il tracker del mercato delle criptovalute di CoinGape, si tratta di un aumento dello 0,37% per il giorno rispetto a un guadagno del 20,81% per la settimana.