Irruzione negli uffici di Nexo in Bulgaria tra accuse legate al riciclaggio di denaro e alla criminalità organizzata: cosa può succedere.

Nexo, che è uscito indenne dal contagio delle criptovalute che ha costretto i concorrenti al fallimento, continua a difendere il suo record.

nexo
Adobe Stock

Le autorità bulgare hanno perquisito gli uffici di Nexo. Le accuse hanno a che fare con violazioni fiscali e di riciclaggio di denaro, costituzione di un gruppo criminale organizzato e operazioni bancarie senza licenza.

Nexo, accuse riciclaggio denaro: cosa succederà alla piattaforma

I pubblici ministeri hanno affermato che la piattaforma di criptovalute ha trasferito risorse digitali per finanziare il terrorismo, sebbene non abbia fornito ulteriori dettagli.

In una dichiarazione, i pubblici ministeri bulgari hanno affermato che nella capitale Sofia sono in corso operazioni volte a “neutralizzare attività criminali illegali”.

Reuters ha affermato che includeva circa 300 membri delle forze dell’ordine che hanno fatto irruzione in 15 uffici in tutta la città.

In un thread su Twitter, Nexo ha negato qualsiasi illecito – senza menzionare la Bulgaria – e lo ha detto:

Nel corso degli anni, abbiamo rifiutato molti affari perché Nexo non scende mai a compromessi per quanto riguarda le nostre rigide politiche antiriciclaggio e Know Your Customer… Fin dal primo giorno, abbiamo fatto il possibile per implementare soluzioni all’avanguardia per garantire il rispetto dei più elevati standard normativi e, allo stesso tempo, fornire un percorso di onboarding del cliente senza intoppi“.

Più avanti nel thread si diceva:

Purtroppo, con il recente giro di vite normativo sulle criptovalute, alcuni regolatori hanno recentemente adottato l’approccio “calcia prima, fai domande dopo”. Nei paesi corrotti, è al limite del racket, ma anche questo passerà“.

Sebbene ciò non menzionasse direttamente la Bulgaria, diversi commenti fatti alla stampa l’hanno definita “il paese più corrotto dell’UE“.

Resta da vedere quali effetti avrà la mossa. Il suo token NEXO è sceso di oltre il 5%.

Su Twitter, la società di intelligence crittografica Arkham ha affermato di aver assistito a “inondazioni di deflussi” e anche il tracker di dati on-chain Cielo Finance ha affermato di aver assistito a “grandi deflussi“. Entrambi hanno pubblicato screenshot di transazioni dell’ordine di milioni di dollari.

Problemi negli Stati Uniti

Nexo è stato uno dei pochi finanziatori di criptovalute che è emerso relativamente indenne dai fallimenti del round del 2022 causati da decisioni di investimento rischiose (in particolare Celsius), il crollo dell’hedge fund di criptovalute Three Arrows Capital (come Voyager Digital) e, più recentemente, il fallimento dell’exchange FTX (come BlockFi).

Nexo ha avuto problemi anche negli Stati Uniti. A dicembre ha annunciato di aver concluso l’attività in otto stati, e di avere in programma di ritirarsi dal mercato statunitense. Ha citato a proposito “più di 18 mesi di dialogo in buona fede con le autorità di regolamentazione statali e federali degli Stati Uniti“.

La causa intentata dalla Securities and Exchange Commission accusa l’exchange di criptovalute Gemini e l’istituto di credito Genesis di aver violato la legge sui titoli con il programma Gemini Earn. Ora sembra probabile che Nexo possa incontrare ulteriori problemi legali negli Stati Uniti.

Alla fine dello scorso anno Nexo aveva annunciato nuove approvazioni normative in Polonia e in Italia.