In questo articolo parleremo dell’atavico problema legato alla tecnologia VR, superare la barriera della cinetosi (motion sickness).

Nonostante i benefici e il clamore della realtà virtuale, uno dei suoi principali inibitori rimane la minaccia della cinetosi.

Realtà Aumentata Amazon
Realtà Aumentata Amazon: ecco le novità

Un nuovo sondaggio ha rilevato che essa gioca ancora un ruolo di primo piano, con le donne più a rischio degli uomini.

Realtà Virtuale, il più grande problema

Il sondaggio, realizzato da VR Heaven e che ha interpellato quasi 300 intervistati, ha rilevato che più della metà (57,8%) ha dichiarato di aver sofferto di cinetosi (motion sickness) in VR in qualche occasione. Il 13,7% degli intervistati ha dichiarato di averla provata spesso, rispetto al 19,1% che l’ha provata qualche volta e al 24,9% che l’ha provata raramente.

Secondo la ricerca, il genere continua ad avere una “forte” correlazione con il malessere da VR. Le donne hanno una probabilità più che tripla di soffrire frequentemente di cinetosi con la VR, con il 22,6% delle intervistate che confermano rispetto al 7,2% degli uomini. All’altro estremo della scala, la metà degli uomini ha dichiarato di non aver mai sofferto di mal d’auto, rispetto al 34,7% delle donne.

Non si tratta affatto di una nuova rivelazione: alcuni studi hanno analizzato la maggiore predisposizione femminile al mal d’auto, con VR Heaven che ha citato un rapporto risalente al 2002. Tuttavia, c’era un’avvertenza che doveva essere sfatata.

Altre ricerche sul campo suggeriscono che, in generale, se si soffre già di cinetosi nella vita reale, è più probabile che si soffra di cinetosi in VR“, ha osservato l’azienda. “Molti articoli concordano sul fatto che se si considerano i dati in questo modo, il pregiudizio di genere scompare. Stranamente, i nostri dati non sono in linea con questa affermazione“.

In generale, più l’headset sono di bassa qualità, più è probabile che inducano malessere. La categoria “mobile low-end“, con Google Cardboard e Samsung GearVR, ha ottenuto i punteggi più alti, mentre la categoria “mobile high-end“, come Oculus Quest e Lenovo Mirage Solos, ha superato anche gli apparecchi di qualità superiore per PC.

La buona notizia è che, per un numero consistente di persone, la cinetosi in VR può essere curata con sufficiente pratica. Più di due terzi di coloro che hanno sofferto di malessere sono riusciti a superarlo in tempo, con una disparità di genere ancora una volta a favore degli uomini. Il pilotaggio di veicoli in VR è la causa più probabile di malessere, aggiunge il rapporto.