Il giudice respinge la richiesta di Andrew Tate di porre fine ai suoi 30 giorni di detenzione: vediamo tutti i dettagli della vicenda.

La richiesta di Andrew Tate di essere liberato da 30 giorni di detenzione in Romania non ha avuto successo.

andrew tate
Criptomercato.it

Il controverso influencer era comparso in tribunale per affrontare il suo arresto con l’accusa di stupro, tratta di esseri umani e criminalità organizzata.

Il giudice respinge la richiesta di Andrew Tate: cosa sta succedendo

Il controverso influencer era comparso in tribunale per contestare il suo arresto con l’accusa di stupro, tratta di esseri umani e criminalità organizzata. Il suo avvocato che sosteneva che non c’erano prove sufficienti per giustificare il suo periodo di detenzione.

Anche il fratello di Tate, Tristan, e due donne rumene sono stati arrestati da funzionari locali alla fine di dicembre.

Un giudice aveva precedentemente respinto il ricorso del 36enne contro la decisione di estendere la sua detenzione da 24 ore a 30 giorni, nel timore che potesse eludere le indagini stabilendosi in un paese che non ha un accordo di estradizione con la Romania.

Tate è stato in tribunale per la maggior parte della giornata ed è arrivato in manette. La sentenza è arrivata poche ore dopo che era stato portato via martedì pomeriggio.

I post che protestavano contro la sua innocenza hanno continuato ad apparire sul suo account Twitter ufficiale, che è stato ripristinato subito dopo che Elon Musk ha acquistato il social network. È stato bandito da altre piattaforme per timore che il suo contenuto fosse misogino. Un tweet di mercoledì diceva:

Per tutta la vita tutti mi hanno chiamato paranoico. Dissero che lavoro troppo e che era impossibile. Dissero che non ero preoccupato per nulla e che ero in guerra con un nemico che non esisteva. Che stavo correndo senza motivo. Oggi? Dicono solo che avevo ragione“.

Delirio paranoide o strategia?

Tate ha persino affermato di essere stato attaccato da “The Matrix”. Ed ha anche attirato il sostegno di Logan Paul, che ha twittato: “The Matrix è reale. Prega di non diventare mai il suo bersaglio“.

Tutto ciò ha portato Tate, o uno dei suoi accoliti, a postare:

Tu sei The Matrix. Sei un agente. Ma The Matrix si sta incrinando. E ora ne pagherai il prezzo“.

I pubblici ministeri affermano che le persone che hanno pagato il prezzo sono sei, in un caso di tratta di esseri umani. Secondo le ricostruzioni sarebbero state sottoposte ad “atti di violenza fisica e coercizione mentale” – oltre allo sfruttamento sessuale.

Alcuni influencer cripto di alto profilo sono stati criticati per aver supportato Tate. L’uomo ha creato un sito web chiamato “Hustler’s University” che offriva istruzione su come guadagnare scambiando risorse digitali. Tuttavia gli scettici hanno paragonato questa piattaforma a una truffa e a uno schema piramidale.