Il colosso della finanza JPMorgan ha citato in giudizio Charlie Javice, la fondatrice della società fintech sostenuta da Mark Rowan che ha acquisito di recente, sostenendo che avesse gonfiato i numeri per aumentarne la valutazione.

JPMorgan Chase ha citato in giudizio il trentenne creatore di Frank, una famosa azienda fintech che ha acquistato per 175 milioni di dollari. L’accusa è quella di aver presumibilmente creato un enorme elenco di utenti fittizi. Lo scopo della presunta condotta truffaldina quello di convincere il colosso finanziario ad acquistarlo per una cifra maggiore.

jpmorgan causa
Adobe Stock

L’ex CEO Charlie Javice ha avviato Frank nel 2016. La comapgnia fornisce software per semplificare il processo di richiesta di prestiti studenteschi per giovani americani in cerca di aiuto finanziario. Secondo Crunchbase, Marc Rowan, un florido investitore, è il principale acquirente di Frank.

Altri importanti investitori di venture capital tra cui Aleph, Chegg, Reach Capital, Gingerbread Capital e SWAT Equity Partners hanno tutti sostenuto i suoi grandiosi piani per trasformare l’azienda in “un’Amazzonia per l’istruzione superiore”.

La causa intentata da JPMorgan contro la fondatrice della start up

Secondo la causa, Javice ha venduto JP Morgan nel 2021 con la menzogna secondo cui più di 4 milioni di clienti si erano iscritti per utilizzare gli strumenti di Frank. Il caso è stato depositato alla fine dell’anno scorso presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti nel Delaware.

Secondo quanto riferito, Javice ha compilato un elenco considerevole di “falsi clienti” con nomi, indirizzi, date di nascita e altri dati personali per 4,265 milioni di “studenti” che non erano reali quando JP Morgan ha richiesto prove durante la due diligence. Frank aveva davvero meno di 300.000 account cliente in quel momento, sostiene la causa.

La denuncia aggiunge: “Javice ha inizialmente resistito alla richiesta di JPMC, sostenendo che non poteva fornire il suo elenco di clienti a causa di problemi di privacy”. Javice ha deciso di creare diversi milioni di falsi account cliente Frank quando JPMC lo ha spinto. La causa contiene immagini delle presentazioni che Javice ha consegnato a JP Morgan che evidenziano l’espansione di Frank e affermano che ha più di 4 milioni di clienti.

Un procedimento particolare

Javice ha intentato una causa contro JP Morgan la stessa settimana in cui JP Morgan ne ha intentata una contro Javice. La banca “ha avviato una serie di indagini prive di fondamento sulla condotta della signora Javice” la scorsa primavera, “ha prodotto un licenziamento per giusta causa in malafede” e “ha lavorato per costringere la signora Javice a lasciare l’organizzazione JP Morgan”, secondo l’ex amministratore delegato della denuncia di Frank.

Queste azioni sono state fatte per negare i milioni di dollari di risarcimento non pagato. Secondo la denuncia, JP Morgan “ha falsamente accusato la signora Javice di comportamento scorretto” sia prima che dopo l’acquisizione di Frank come parte di tali indagini.

Le dichiarazioni dell’avvocato

L’avvocato di Javice, Alex Spiro, ha scritto una dichiarazione affermando: “Dopo che JPMC si è affrettata ad acquisire la società di di Charlie, JPMC ha scoperto di non poter aggirare le regole sulla privacy degli studenti esistenti. In questo modo avrebbe commesso un comportamento scorretto e quindi ha cercato di rinegoziare la transazione”. “Charlie ha fatto una rivelazione prima di fare causa. Il nuovo vestito di JPMC è davvero una copertura.”

Javice ha risposto, “Scaling”, quando le è stato chiesto quale fosse la più grande sfida che l’azienda stava affrontando nella sua presentazione 30 Under 30.

Anche Olivier Amar, chief growth officer di Frank, è menzionato nel caso JP Morgan. Secondo il rapporto, Javice e Amar avevano originariamente richiesto il falso elenco di clienti a un ingegnere senior di Frank; quando ha rifiutato, Javice si è rivolto a “un professore di scienze dei dati in un college della zona di New York City” per chiedere assistenza.

Secondo JP Morgan, ha generato 4,265 milioni di account di clienti fittizi utilizzando le informazioni di alcune persone che avevano già iniziato a utilizzare Frank. Per questo Javice gli ha pagato $18.000, e le ha fatte verificare da un fornitore di terze parti su sua richiesta. La causa afferma che Javice ha fatto grandi sforzi per garantire che i documenti di questo lavoro fossero distrutti o modificati per evitare di attirare l’attenzione. Contiene anche screenshot delle fatture del professore. Secondo la causa, Amar ha pagato $105.000 per acquisire una diversa raccolta di dati di 4,5 milioni di alunni dall’azienda ASL Marketing.