Nelson Peltz, un investitore attivista, intende lanciare una battaglia per procura per una posizione nel consiglio di amministrazione della Disney.

A Peltz, uno dei soci fondatori di Trian Fund Management, è stato offerto un posto come osservatore del consiglio dalla Disney. L’investitore attivista ha però rifiutato di firmare un accordo di standstill.

disney
Adobe Stock

L’offerta per servire come osservatore del consiglio

Un posto di osservatore del consiglio può occasionalmente essere vantaggioso, specialmente per gli investitori che non hanno una vasta esperienza nel consiglio ed è improbabile che contribuiscano spesso ai dibattiti del consiglio.

Offrire a Peltz un posto come osservatore del consiglio, tuttavia, è come dire a Whitney Houston che potrebbe unirsi alla squadra, ma stare in panchina. Peltz non avrebbe dovuto accettare questa offerta, e non c’è modo che la Disney avrebbe potuto nemmeno in qualche modo prevedere che l’avrebbe fatto.

Da dove nasce la diatriba

Il motivo per cui Peltz ha avviato questa disputa per procura in primo luogo e perché la Disney sta combattendo è intrigante. Peltz ha assunto il suo incarico durante il mandato di Bob Chapek come CEO e probabilmente aveva un piano per succedergli con un sostituto che aveva scelto in precedenza.

Sarebbe stata una fantastica strategia di attivismo, ma fallì quando la Disney rivelò che l’ex CEO Bob Iger aveva preso il suo posto una settimana dopo. Conoscendo le operazioni passate e attuali di Trian, è probabile che l’azienda abbia impiegato mesi a sviluppare quella strategia prima di attendere il momento ideale per consolidare la propria posizione.

È triste che gli sforzi di Trian nella creazione del suo piano siano stati in gran parte vani, ma all’epoca la società avrebbe dovuto riorganizzarsi e creare una strategia rivista tenendo conto delle nuove condizioni. Quella strategia non avrebbe dovuto comportare l’assunzione di Iger. Anche se Trian afferma di non opporsi più alla nomina di Iger a CEO, la società lo ha fatto all’inizio. Questo ha reso estremamente difficile per il consiglio negoziare un accordo per Peltz per ottenere un posto di rilievo.

Detto questo, un consiglio forte con un amministratore delegato competente, che è certamente un amministratore delegato a breve termine, non dovrebbe avere problemi con la presenza di un azionista esperto che potrebbe avere un’opinione impopolare. Anche il consiglio dovrebbe esserne contento.

Le affermazioni di Trian

Trian ha rilasciato una presentazione che delinea la sua posizione. Ciascuna parte utilizza i fatti e le statistiche per costruire un’immagine che le favorisca durante le presentazioni della battaglia per procura, e spesso queste affermazioni non reggono all’esame.

Trian si oppone, ad esempio, al rendimento complessivo per gli azionisti della Disney sotto Iger. Rendimento che era del 270% rispetto al 330% dell’S&P 500 nello stesso periodo. Se Trian avesse potuto ottenere rendimenti migliori dal mercato, probabile che li avrebbe anche poi impiegati.

Se torturi i dati per un periodo di tempo abbastanza lungo, confesserà qualsiasi cosa. Come ha affermato una volta l’economista britannico Ronald Coase. In questo caso, possiamo concludere che Bob Iger ha fatto un pessimo lavoro alla guida della Disney. Trian non è d’accordo con la scelta di Iger di acquistare Fox, e ha ragione a farlo poiché, guardando indietro, è stata una mossa orribile.

Dovrebbe, tuttavia, tenere conto delle acquisizioni di Pixar, Marvel e Lucasfilm da parte di Iger, che hanno fruttato alla Disney oltre 33,8 miliardi di dollari al botteghino mondiale e ulteriori miliardi in espansioni di merchandising e parchi a tema.