La sterlina digitale non verrà utilizzata per sorvegliare i cittadini inglesi, afferma il ministro. Ma più di qualcosa non torna.

Il governo non ha intenzione di rendere la sterlina digitale uno strumento di sorveglianza, ha detto un ministro del Regno Unito in un’audizione parlamentare.

cbdc
Adobe Stock

Il segretario economico al Tesoro Andrew Griffith ha cercato di anticipare le preoccupazioni sulla privacy. La capacità del governo di monitorare la spesa individuale rimarrà uguale anche dopo il lancio della sterlina digitale.

La sterlina digitale verrà utilizzata per sorvegliare i cittadini inglesi? 

Un’eventuale valuta digitale della banca centrale (CBDC) incentrata sulla vendita al dettaglio è ancora un “se” e non un “quando” in Gran Bretagna. Nonostante questo il segretario economico al Tesoro Andrew Griffith ha affermato molto chiaramente che qualsiasi spinta per una sterlina digitale renderebbe la privacy individuale una priorità alta.

Il deputato ha aggiunto:

Se decidiamo collettivamente di procedere con questo, sarà un modello di piattaforma che non consentirà al governo di conoscere i dati delle singole transazioni“.

Un tale modello, ha affermato, prevede che il governo abbia “una conoscenza anonima dei singoli fornitori” – probabilmente banche – e quei fornitori a loro volta forniscano portafogli digitali ai consumatori.

Questo è il limite entro il quale le informazioni rimarrebbero diverse da quelle necessarie per consentire cose come strumenti antiriciclaggio come quelli già in uso. Griffith ha aggiunto:

Il governo lo prende molto sul serio e non perseguiremmo qualcosa che… la nostra gente caratterizzerebbe come uno stato di sorveglianza“.

Un problema diffuso

Più di 100 paesi sono in una fase di indagine, test o creazione di CBDC. Tuttavia la Cina e la Nigeria sono le uniche grandi economie che ne hanno effettivamente una in circolazione.
India e Turchia mirano entrambe a lanciare CBDC quest’anno. La Banca centrale europea ha fortemente sostenuto l’euro digitale.

Gli Stati Uniti sono in una fase indecisa e non particolarmente entusiasta. I test sono in corso e il supporto stanno crescendo, in parte per non restare indietro rispetto allo yuan digitale cinese e da altre CBDC. Questo è qualcosa che Griffith ha detto essere una preoccupazione anche per il Regno Unito.

Anche in Cina, tuttavia, la privacy è una grande preoccupazione. Il governo lavora per rassicurare le persone sul tracciamento dei loro acquisti, un processo spesso definito “anonimato controllabile“.

A ottobre, il South China Morning Post ha riferito che il Digital Currency Research Institute della People’s Bank of China, che sta guidando il progetto dello yuan digitale, si stava muovendo in modo più aggressivo per “soddisfare le preoccupazioni del pubblico sulla protezione dei dati e sulla privacy nell’uso dello yuan digitale” ed è stato “promettendosi di attuare leggi chiare in materia di monitoraggio dei portafogli digitali“.

Le transazioni sarebbero monitorate solo quando c’è motivo di sospettare riciclaggio di denaro, finanziamento del terrorismo o evasione fiscale, secondo Mu Changchun, capo del DCRI.

Dobbiamo garantire che ci sia un ambito limitato per l’utilizzo delle informazioni degli utenti“, ha affermato. Che è una preoccupazione nella terra del punteggio di credito sociale.