Terzo membro della cerchia ristretta e socio di Sam Bankman-Fried interrogato dalle autorità, che hanno scoperto una cosa molto interessante.

Un terzo membro della cerchia più intima del fondatore di FTX Sam Bankman-Fried è indagato dai pubblici ministeri federali. Le autorità stanno esaminando il crollo del secondo più grande exchange di criptovalute in un torrente di accuse di frode.

sam bankman fried ftx
Criptomercato.it

L’informatore Ryan Salame si è occupato di Singh, co-CEO di FTX Digital Markets. Si tratta di una delle tre persone implicate nel furto dei fondi dei clienti dell’exchange.

Socio di Sam Bankman-Fried interrogato dalle autorità: cosa hanno scoperto

Dopo aver ottenuto dichiarazioni di colpevolezza e collaborazione dal co-fondatore di FTX Gary Wang e dall’ex CEO di Alameda Research Caroline Ellison, le autorità si stanno ora concentrando sul capo dell’ingegneria dell’exchange Nishad Singh, secondo quanto riferito da Bloomberg il 9 gennaio.

Singh faceva parte di una cerchia di dirigenti di FTX e Alameda che vivevano e lavoravano con Bankman-Fried in un attico di lusso alle Bahamas. Lui e Wang sono le due persone che sono state accusate di avere l’autorità di trasferire i fondi dei clienti FTX ad Alameda dal co-CEO di FTX Digital Markets Ryan Salame, che ha avvertito le autorità delle Bahamas della frode pochi giorni prima che l’exchange crollasse.

I pubblici ministeri federali del distretto meridionale di New York hanno accusato Bankman-Fried di otto capi di imputazione per frode, associazione a delinquere e riciclaggio di denaro con l’accusa di aver prelevato circa 10 miliardi di dollari appartenenti a un milione di clienti dell’exchange FTX e di averli utilizzati illegalmente per coprire le perdite della sua società di trading di criptovalute Alameda . Mancano fino a 8 miliardi di dollari e probabilmente sono andati.

Nessuna accusa è stata presentata contro Singh, ha detto Bloomberg, e non è chiaro se stia collaborando con pubblici ministeri come Wang ed Ellison.

Esperti di informatica

A dicembre, Reuters ha riferito che Singh è stato colui che ha apportato modifiche al codice. Queste hanno impedito la liquidazione delle attività di Alameda da parte di FTX, se i trade fossero andati male. Ciò ha consentito ad Alameda “una ‘linea di credito’ virtualmente illimitata finanziata dai clienti della piattaforma“, ha dichiarato la Securities and Exchange Commission (SEC) in un annuncio del 13 dicembre che stava accusando Bankman-Fried di frode civile.

Il giorno dopo, Bloomberg ha riferito di aver esaminato il codice in un account GitHub a nome di Singh che ha consentito a FTX di nascondere le perdite in aumento di Alameda.

Il secondo pezzo di codice ha permesso alle aziende di Bankman-Fried di deviare miliardi di dollari di debito “su un conto cliente FTX che non era facilmente identificabile come appartenente ad Alameda“, ha detto Bloomberg.

Questo era, ha detto, il conto “coreano” a cui fa riferimento la Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti. Nella sua causa per frode del 13 dicembre, l’agenzia ha dichiarato:

Almeno in parte per rimediare al rischio che le autorità scoprissero la grande passività di Alameda, sotto la direzione di Bankman-Fried. I dirigenti di FTX hanno riallocato le passività di circa 8 miliardi di dollari di Alameda su un conto cliente sui sistemi di FTX. Bankman-Fried l’avrebbe poi definito “il nostro account di un amico coreano” e/o “lo strano account coreano“.

Questo era tecnicamente un account secondario di Alameda. Tuttavia a differenza di altri account secondari di Alameda su FTX, non era “facilmente identificabile come un account associato ad Alameda. Le note di sistema associate all’account lo descrivevano come “FTX fiat old”. Di conseguenza, sui registri di FTX non era più evidente che Alameda avesse un saldo negativo di 8 miliardi di dollari sul suo conto FTX“.