Una recente accusa pubblica afferma che la DCG di Silbert, proprietaria del famoso broker di criptovalute Genesis, deve ai suoi debitori più di 3 miliardi di dollari.

DCG, un conglomerato che possiede il broker di criptovalute Genesis, la società di gestione degli investimenti Grayscale e altri media crittografici, è stato colto alla sprovvista dal crollo dell’exchange di criptovalute FTX nel novembre 2022 e ora sta tentando di raccogliere nuovo capitale per uscire da la sua attuale situazione finanziaria.

genesis dcg debito
Adobe Stock

I rapporti più recenti, pubblicati il ​​12 gennaio, affermano che Genesis Global deve ai suoi debitori più di 3 miliardi di dollari.

Genesis deve 3 miliardi di dollari a DCG

Le persone a conoscenza della situazione affermano che il Digital Currency Group sta pensando di vendere alcuni dei suoi investimenti in capitale di rischio. Almeno 200 progetti relativi alla criptovaluta, inclusi scambi, banche e depositari, sono inclusi in questi asset, che sono dispersi in almeno 35 nazioni. Gli esperti finanziari prevedono che le attuali valutazioni di tutti questi si aggireranno intorno ai 500 milioni di dollari.

Uno dei più grandi portafogli di venture capital nel settore delle criptovalute è stato gestito da DCG. Ha fornito sostegno finanziario a una serie di noti exchange di criptovalute. Tra questi figurano Blockchain.com, Kraken e Coinbase, tutti situati negli Stati Uniti. Il colosso delle criptovalute ha inoltre fornito supporto per l’FTX di Fried di Sam Bankman, ora defunto. In questo exchange avrebbe effettuato un investimento di 250.000 dollari nel luglio 2021.

La banca americana Silvergate, il fornitore di portafogli digitali Rainbow, il software della lotteria crittografica Jackpocket, il mercato NFT WENEW. Oltre alla banca americana Silvergate sono tra le altre società in cui DCG ha investito.

Genesi in mezzo a un diverbio di entità mai vista

Genesis, una consociata interamente controllata da DCG e uno dei maggiori istituti di credito nel mercato delle criptovalute, consente ai clienti di prestare le proprie criptovalute in cambio di rendimenti significativi. Tuttavia, a causa di “estrema turbolenza del mercato”, ha interrotto i prelievi dei clienti nel novembre dello scorso anno.

Come riportato in precedenza su Criptomercato.i, il co-fondatore dell’exchange Gemini Cameron Winklevoss ha affermato che Genesis aveva prestato più di 2,3 miliardi di dollari all’hedge fund Three Arrows Capital. Con una perdita di 1,2 miliardi di dollari. Più significativamente, Gemini ha rivelato che, come parte del suo programma Earn, aveva prestato a Genesis più di 900 milioni di dollari in depositi dei clienti. Risorse che sono attualmente congelati e interessano quasi 340.000 consumatori statunitensi.

Genesis deve anche 300 milioni di dollari all’exchange di criptovalute olandese Bitvavo. Oltre che ai clienti di Donut, una società con sede in California che offre conti di risparmio in criptovaluta. I rapporti più recenti menzionano un gruppo distinto di debitori di Genesis. Questi sono attualmente rappresentati dal consulente legale di Proskauer Rose oltre alle crescenti richieste di Genesis.

Fondata nel 2015 dal famoso banchiere Silbert, DCG è uno dei più grandi e primi sponsor di risorse digitali e attività di criptovaluta. Si prevede che la sua valutazione di mercato supererà i 10 miliardi di dollari nel 2021 e ha il sostegno di illustri investitori tra cui SoftBank, Ribbit Capital e CapitalG, il braccio di investimento di Alphabet.