Come parte dei licenziamenti globali del 20% della forza lavoro che Coinbase ha annunciato nella giornata di ieri, la storica compagnia di criptovalute ha deciso di ridurre la sua forza lavoro in Giappone.

Come parte della sua decisione di licenziare il 20% del suo personale globale, Coinbase Global Inc. ha deciso di ridurre il numero di dipendenti in Giappone, adducendo come causa le gravi condizioni economiche del paese.

coinbase giappone
Adobe Stock

Secondo una dichiarazione rilasciata dalla divisione Coinbase in Giappone, “la nostra azienda ha preso la difficile decisione di ridimensionare il nostro personale in Giappone a causa delle attuali condizioni di mercato”, secondo Bloomberg. Non è stata fatta menzione della quantità di licenziamenti.

Sul calendario o su chi verrà licenziato non ci sono ulteriori specifiche. Per aiutarli ad adattarsi alle circostanze, i dipendenti che saranno licenziati riceveranno un “pacchetto di transizione completo”. Al di là del calo dell’occupazione, “non è stata ancora presa alcuna decisione. Stiamo esaminando attentamente tutte le opzioni e comunicheremo eventuali ulteriori sviluppi non appena saranno disponibili”. ha aggiunto il portavoce

Il CEO di Coinbase spiega i licenziamenti in corso

La sede dell’exchange di criptovalute americano è a San Francisco. Ieri è stato annunciato che 950 dei suoi dipendenti sarebbero stati licenziati. Secondo l’amministratore delegato Brian Armstrong, i licenziamenti erano necessari per affrontare le sfide globali che il settore delle criptovalute sta attualmente affrontando. I progetti con scopi più piccoli e scarsa produttività saranno terminati.

La tendenza ai licenziamenti prosegue durante il crypto winter

Dal giugno dello scorso anno, Coinbase ha iniziato a licenziare in massa la sua forza lavoro. 1200 dipendenti, ovvero il 18% della sua forza lavoro, furono licenziati. 60 persone sono state escluse dalla compagnia solo nel mese novembre.

L’anno peggiore per il mercato delle criptovalute è stato il 2022, quando i crolli hanno causato enormi turbolenze nel mercato. Quando le criptovalute di grandi dimensioni hanno raggiunto il prezzo più basso dal 2020, il prezzo dei token ha continuato a diminuire. La più recente e significativa di tutte è stata la scomparsa dell’exchange principale FTX, che ha provocato onde d’urto in tutto il settore per un bel po’ di tempo.