Il tribunale fallimentare ha concesso a Voyager Digital il permesso di vendere i suoi asset a Binance. La transazione avrà un valore totale di 1,02 miliardi di dollari e verrà effettuata negli Stati Uniti.

I clienti recupereranno il 51% delle risorse digitali pre-fallimento nell’ambito dell’accordo tra Voyager Digital e Binance.us. La buona notizia sembra far prendere aria al mercato.

voyager binance
Adobe Stock

L’approvazione iniziale del tribunale è stata concessa al prestatore di criptovalute Voyager Digital per vendere i suoi asset all’exchange di criptovalute Binance.US per 1,02 miliardi di dollari. I clienti riceveranno il 51% delle attività in criptovaluta che detenevano prima della dichiarazione di fallimento se i creditori accettano la vendita. Inoltre, la revisione della sicurezza nazionale dell’accordo dovrebbe essere completata a breve.

Il tribunale approva la transazione per Voyager Digital

L’accordo di acquisizione di asset tra Voyager e Binance è stato approvato dal giudice Michael Wiles del tribunale fallimentare degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York. La conferma dell’accordo arriva fagli Stati Uniti, come ha riportato Reuters l’11 gennaio.

L’accordo non sarà definitivo, però, fino a dopo una futura udienza in tribunale e l’approvazione dei creditori per la vendita. Voyager sta lavorando per accelerare la revisione della sicurezza nazionale della transazione, che potrebbe determinare se può effettivamente andare a buon fine.

L’avvocato di Voyager, Joshua Sussberg, ha dichiarato martedì al tribunale che la società sta rispondendo attivamente alle preoccupazioni sulla sicurezza nazionale espresse dal Comitato statunitense per gli investimenti esteri negli Stati Uniti (CFIUS). Eventuali problemi che potrebbero indurre CFIUS a opporsi all’accordo con Binance saranno affrontati da Voyager. Stati Uniti”, ha osservato Sussberg.

Stiamo lavorando con Binance e i loro consulenti per accelerare il processo inviando volontariamente una domanda oltre a occuparci di tale richiesta.

Voyager sposterà gli utenti su Binance e riceverà un pagamento in contanti di 20 milioni di dollari come parte dell’accordo. Trattandosi di un exchange di criptovalute statunitense, clienti potranno quindi ritirare i propri asset di criptovaluta dal sito per la prima volta dopo il fallimento.

Al momento della dichiarazione di fallimento di Voyager, secondo le stime della compagnia in questione, gli utenti potranno recuperare il 51% dei loro depositi grazie all’accordo con Binance.US. Tuttavia, i clienti riceveranno un compenso inferiore se CFIUS rifiuta la transazione.

Il Voyager Official Committee of Unsecured Creditors, nel frattempo, ha approvato l’accordo su Twitter e ha osservato che comporterebbe recuperi maggiori per i creditori rispetto a un’autoliquidazione.

L’accordo di Voyager con FTX è fallito, è la volta di Binance

Voyager ha ottenuto l’approvazione del tribunale nell’ottobre dello scorso anno per vendere i suoi asset all’oggi defunto exchange di criptovalute FTX per 1,42 miliardi di dollari. I clienti avrebbero potuto rivendicare il 72% della criptovaluta che possedevano prima della dichiarazione di fallimento secondo i termini dell’accordo. Il fallimento di FTX, tuttavia, ha portato all’annullamento della transazione.

Sebbene sia meno redditizio per Voyager e i suoi clienti, gli Stati Uniti potrebbero essere la loro migliore opzione in questo momento.