Le relazioni tra gli hedge fund e il più grande exchange di criptovalute al mondo, Binance, sono oggetto di indagine da parte delle autorità statunitensi per potenziali reati di riciclaggio di denaro.

Le autorità federali stanno attualmente indagando sulle connessioni di Binance con gli hedge fund americani come parte di una lunga indagine su possibili violazioni delle leggi sul riciclaggio di denaro da parte di una delle principali società di criptovalute al mondo.

binance
Criptomercato.it

Secondo le fonti più recenti, l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti del distretto occidentale di Washington ha emesso citazioni in giudizio per le imprese di investimento per produrre informazioni sui loro rapporti con il principale exchange di criptovalute Binance.

Binance sta affrontando nuovi grattacapi?

L’emissione delle citazioni in giudizio coincide con un maggiore controllo da parte dei media e delle autorità di regolamentazione di Binance, la più grande compagnia di criptovalute del mondo, per quanto riguarda le sue operazioni e finanze. Entro la fine dell’anno precedente, questa critica aveva raggiunto il culmine con il crollo multimiliardario della piattaforma di trading FTX. Disastroso evento che aveva scosso la fiducia degli investitori in un mercato delle criptovalute sempre più volatile e instabile.

Tuttavia, secondo gli esperti legali, le autorità statunitensi stanno ancora esaminando le prove disponibili e sono attualmente in trattative per un potenziale accordo con Binance; ciò suggerisce che i presunti mandati di comparizione emessi non sono destinati ad essere utilizzati per intentare un’azione legale contro l’exchange di criptovalute in questione o gli hedge fund.

Il Chief Strategy Officer di Binance, Patrick Hillmann, ha dichiarato in un’intervista che l’exchange ha avuto comunicazioni continue con quasi “tutti i regolatori in tutto il mondo”, ma non ha chiarito lo stato di eventuali indagini che potrebbero aver luogo negli Stati Uniti.

Crescenti problemi legali per Binance

Gli esperti legali affermano che Binance ha accumulato una (in)famosa reputazione nel corso degli anni aggirando con successo le leggi e sfruttando scappatoie legali per mantenere le sue operazioni in un certo numero di nazioni. I legislatori erano preoccupati per il coinvolgimento della piattaforma nel riciclaggio di denaro perché la società non aveva mai richiesto agli utenti di presentare alcuna forma di identità, come un KYC formale, in passato. L’anno scorso, l’importante sito multimediale ha affermato che il colosso delle criptovalute ha legami con il mercato russo del dark web Hydra, che ha descritto come un “hub per hacker, truffatori e trafficanti di droga”.

Binance, d’altra parte, ha confutato in modo aggressivo le accuse e ha protestato pubblicamente contro l’articolo rilasciando una dichiarazione formale e un blog dall’account Twitter ufficiale dell’azienda.

Di recente, Binance ha adottato misure per rafforzare il proprio impegno alla conformità. L’exchange ha tentato disperatamente di aumentare le dimensioni dei dipendenti del suo dipartimento di sicurezza e conformità di un fattore del 500% nel 2022.