Il governatore della banca centrale francese sottolinea l’urgente necessità di rigide regole di criptovaluta nella nazione, continuando la tendenza delle giurisdizioni internazionali a modificare i regolamenti di criptovaluta.

Francois Villeroy de Galhau, governatore della Banca di Francia, ha dichiarato le sue opinioni in un discorso che ha tenuto il 5 gennaio a Parigi. Ha citato la volatilità del mercato continuo come causa e ha sollecitato l’implementazione di un sistema di licenza obbligatorio “il più presto possibile”.

banche criptovalute regolamentazione
Adobe Stock

La situazione nel settore della criptovaluta è stata aggravata dal recente fallimento di FTX nel novembre dello scorso anno. Oltre ad alterare le prospettive degli investitori sulle risorse virtuali, sono state attuate norme più severi in risposta al tumulto del crollo dello scambio prodotto nel settore delle criptovalute.

Le banche centrali fanno pressione sulla regolamentazione delle criptovalute

Per affrontare la necessità costante della legislazione delle criptovalute, l’Unione europea si è impegnata a redigere le linee guida di criptovaluta complete nel 2020. Il disegno di legge sui mercati delle criptovalute (MICA), tuttavia, dovrebbe avere effetto nel 2024. Pertanto, fino a quando la legge sulla mica è attuata e stabilisce un quadro di licenza, le aziende di criptovalute europee possono operare legalmente senza ottenere una licenza.

A seguito di FTX, la Francia ha implementato licenze di criptovalute rigorose.
Simile a ciò, il ministro delle finanze francese ha proposto di eliminare tale clausola e richiedere a tutte le società di criptovalute che operano in Francia per ottenere una licenza DASP.

In una dichiarazione, ha fatto sapere che la posizione è:

“Tutto il caos nel 2022 è causato da una singola idea semplice: la Francia dovrebbe passare dalla registrazione obbligatoria del DASP alle licenze il più presto possibile.”

Una licenza Digital Assets Service Provider (DASP) non è attualmente richiesta in Francia mentre aspettiamo i requisiti di mica. Fino al 2026, quando saranno introdotti nuovi requisiti di licenza dalla legislazione dell’UE. Le società di crittografia non sono tenute a ottenere licenze dal Parlamento dell’UE.

Alla luce della scarsa amministrazione di piattaforme di criptovaluta che hanno provocato il loro fallimento, questo è ciò che il governatore desiderava migliorare. Simile a questo, circa 60 aziende di criptovaluta si sono registrate presso il regolatore del mercato finanziario. Ma non sono state ancora concesse una licenza DASP.

In particolare, ottenere una licenza DASP costringerà le società cripto a pubblicare dati aziendali più completi, rimuovendo il rischio. Le piattaforme saranno richieste dalla licenza DASP per fornire dati finanziari, di condotta e aziendale all’organo di regolamentazione.

Le proposte

La modifica proposta da parte della Commissione finanziaria francese il 20 dicembre 2022
Il governatore non è il primo a opporsi alla disposizione che consente alle società di criptovaluta di condurre le loro operazioni. Ad oggi con scarso coinvolgimento da parte dei regolatori. Hervé Maurey, membro della Commissione finanziaria del Senato, ha precedentemente suggerito di eliminare la disposizione che consente ai fornitori di servizi di criptovaluta di operare senza contatti normativi fino al 2026. Il suggerimento giunge nel dicembre dello scorso anno in risposta alla questione FTX.

Hervé Maurey ha chiarito la necessità di una regolamentazione più crittografica in un’intervista con il Financial Times a metà dicembre, notando in una dichiarazione:

Secondo Maurey, il crollo dell’FTX è stata una “detonazione [che] ha contribuito a un momento di resa dei conti e consapevolezza”. “Ciò ha fatto pensare ad alcuni attori del sistema francese che le cose dovevano essere più strettamente regolate.