Art Gobblers mania, la guida definitiva agli NFT del creatore di Rick e Morty

In questo articolo parleremo dei nuovissimi Art Gobblers, NFt del progetto di arte digitale di Justin Roiland.

“Alcuni alieni davvero bizzarri e stravaganti si aggirano per la città di NFT. Questi alieni divoreranno la vostra arte, spruzzando GOO a turno. Non preoccupatevi, potrete comunque vedere la vostra preziosa arte esposta nelle loro pance. Strano? Afferra uno di questi Art Gobblers per mostrare le tue opere e le tue abilità!”.

rick
Adobe Stock

Sembra che il fermento intorno agli NFT non sia affatto diminuito e uno dei progetti NFT con un promettente approccio artistico, di utilità e incentrato sulla community è proprio questo.

Ormai avrete già visto Art Gobblers infiltrarsi nelle vostre timeline. In caso contrario, vi aiuteremo a mettere insieme i pezzi del puzzle per farvi sapere cosa sta succedendo nella community di NFT.

Art Gobblers, la mente geniale di Justin Roiland

Gli Art Gobblers non sono altro che un esperimento di arte digitale portato avanti dal creatore dello show di successo Rick and Morty, Justin Roiland, e dalla società di venture capitalist Web3 Paradigm. Il coinvolgimento di una personalità così nota ha ulteriormente stimolato il progetto, e il concetto innovativo che ha aggiunto agli NFT gli ha dato una marcia in più per diventare un progetto NFT di tendenza.

Questa è solo la punta dell’iceberg. Ci sono molti altri motivi per cui questi Gobbler sono molto interessanti per gli appassionati di NFT.

Art Gobblers è una fabbrica d’arte decentralizzata di proprietà di alieni dall’aspetto strano. Questi alieni si chiamano Gobblers e mangiano l’arte realizzata dagli artisti, incentivandoli con token GOO. L’arte divorata viene poi esposta nelle loro pance, che funzionano come una sorta di galleria d’arte.

In poche parole, questa fabbrica d’arte decentralizzata si basa sull’arte e la sua economia su GOO, un token ERC20 di Ethereum che gli Art Gobblers spruzzano da tubi flessibili sulla schiena. Man mano che gli artisti realizzano opere d’arte interessanti, i Gobbler acquistano rilevanza culturale e, in ultima analisi, aumentano la domanda di arte Gobbler da parte dei collezionisti.

In sintesi, Art Gobblers è un ecosistema decentralizzato autosufficiente incentrato sulla creazione e la raccolta dell’arte più bella, che aggiunge valore alla cultura artistica NFT. In effetti, il progetto di Art Gobblers ha già raccolto 13 milioni di dollari in sole 2 ore dal lancio.

Come funzionano gli Art Gobblers?

Come suggerisce il nome “Art Gobblers”, queste creature ingoiano arte. Questi alieni “Gobblers” mangiano l’arte che gli artisti disegnano usando lo “strumento di disegno” e la trasformano in NFT 1/1 usando le risorse del gioco. Lo strumento di disegno funziona su iPad, desktop o Cintiq.

Tutte le opere d’arte NFT che un Gobbler mangia sono memorizzate on-chain e vengono visualizzate nella galleria del suo ventre per sempre. Dopo aver digerito queste opere d’arte NFT disegnate da artisti, i Gobbler producono token Goo che vengono utilizzati per produrre le Pagine Bianche necessarie per creare altre opere d’arte.

La caratteristica dei Gobbler è che amano l’odore del loro stesso Goo, quindi più Goo hanno nei loro serbatoi di Goo, più velocemente spruzzano nuovo Goo.

Le scorte di Goo aumentano ogni giorno di più, partendo da centinaia e arrivando a miliardi e oltre nel tempo. Pertanto, le risorse o gli oggetti del gioco non possono avere un prezzo fisso in Goo. Invece, un meccanismo chiamato VRGDA è responsabile del bilanciamento dell’economia di gioco, regolando automaticamente i prezzi nel tempo per raggiungere il programma di emissione desiderato.

Ad esempio, il meccanismo VRGDA aumenterà i prezzi quando le vendite sono in anticipo rispetto alla tabella di marcia e li diminuirà quando le vendite sono in ritardo.

Inizialmente, il conio dei Gobbler completamente animati è gratuito, per un totale di soli 2.000 pezzi. Nei prossimi 10 anni, i giocatori potranno coniare altri 8.000 Gobbler utilizzando i token Goo. L’emissione è relativamente veloce all’inizio per dare il via alla crescita, ma alla fine rallenta e si riduce per preservare l’esclusività.

Questi sistemi mantengono un gameplay interessante, spingendo i giocatori a decidere quando scambiare Goo in cambio di Gobbler. Questo processo modifica il prezzo del VRGDA per tutti i membri dell’ecosistema.

Quali sono le pagine dell’ecosistema Art Gobblers?

Il viaggio di Art Gobblers inizia con gli artisti che coniano i propri disegni come NFT 1/1 con l’aiuto delle risorse di gioco. Questo processo è chiamato Glaminazione. Per disegnare le loro opere, gli artisti avranno bisogno di pagine vuote se vogliono ampliare la loro galleria d’arte.

Quindi, per glaminare il proprio disegno su una pagina, è necessario un NFT Pagina Vuota, che può essere creato con Goo. Una volta che l’artista utilizza l’NFT della pagina vuota per disegnare usando lo “strumento disegno” e lo converte in NFT, questi NFT vanno nella collezione Art Gobblers Pages. Gli NFT sono token ERC721 appartenenti all’artista e possono essere venduti o trasferiti dall’artista a piacimento.

L’ecosistema di Art Gobblers si basa sulla produzione di queste Pagine d’arte. Il numero di Pagine che è possibile creare in un determinato periodo di tempo è limitato da un meccanismo VRGDA, come spiegato in precedenza. Qualsiasi opera d’arte inserita in una pagina aumenterà la rilevanza culturale di Art Gobblers e attirerà l’attenzione della community NFT. In questo modo, anche la maggior parte dei collezionisti esperti coglierà al volo l’opportunità di vedere il potenziale del progetto NFT di Art Gobbler.

Inoltre, le Pagine Bianche non esisteranno al momento del mint, ma potranno essere create poco dopo utilizzando Goo. Il tasso di creazione iniziale sarà di 69 pagine al giorno per consentire alla community di sperimentare meme, stili artistici e altro ancora.

Questo tasso di emissione rallenterà nel corso di circa 8 mesi fino a raggiungere un tasso costante di 10 pagine al giorno, che il protocollo manterrà per sempre. Nessuna pagina va direttamente al team, mentre una pagina su dieci creata di recente andrà nel caveau per essere distribuita agli artisti della community.

I token Goo nell’economia di Art Gobblers

Secondo il paper di GOO, Goo è un token ERC20 di Ethereum prodotto dagli NFT di Art Gobblers. Goo è necessario per creare nuove Pagine Bianche. Gli Art Gobblers determinano in ultima analisi quale arte può essere creata nell’ecosistema, il che li rende anche co-curatori di una galleria d’arte decentralizzata.

Un’altra utilità del Goo è la possibilità di creare nuovi Gobbler, il che rende il gioco ancora più interessante. In questo modo, i giocatori devono prendere una decisione strategica per non rimanere indietro rispetto agli altri giocatori.

Sarebbe una pessima strategia se si decidesse di accumulare token Goo senza possedere alcun Gobbler NFT. Questo perché tutti gli altri genereranno Goo con le loro NFT Gobbler e la vostra quota della fornitura totale di Goo si ridurrà rapidamente a zero.

D’altra parte, se pensate di possedere molti Gobbler ma pochi Goo, la vostra produzione di Goo sarà molto minore rispetto agli altri giocatori.

Cosa sono gli Art Gobblers NFT?

Gli Art Gobblers NFT sono gettoni ERC721 completamente animati. Questi NFT emettono Goo e, naturalmente, divorano arte. Supponiamo che possiate possedere sia un NFT Art Gobbler che un’opera d’arte su una pagina NFT. Se date la pagina al vostro Gobbler, la proprietà della pagina si trasferisce on-chain al contratto dell’Art Gobblers.

Il contratto ha un’indicazione di mappatura che mostra quale pezzo d’arte appartiene a quale Gobbler. Inoltre, la pagina diventa una parte permanente della galleria del ventre di quel Gobbler, che l’utente può visualizzare tramite l’app Art Gobblers.

Ricordate che se decidete di trasferire Gobbler, tutte le sue opere d’arte Gobbled vanno con lui. Infine, i collezionisti possono personalizzare i loro Gobbler a loro completo piacimento.

 

Impostazioni privacy