Chainlink (LINK): questa criptovaluta è un buon investimento? Vediamo come funziona e perché ha valore anche nell’attuale bear market.

Chainlink facilita la comunicazione tra blockchain e fonti di dati esterne attraverso i seguenti passaggi.

chainlink link
Adobe Stock

Abbina gli oracoli agli operatori blockchain che cercano informazioni del mondo reale in un processo automatizzato. Lo fa utilizzando un software SLA (Service Level Agreement) che stabilisce i termini e le aspettative che gli utenti blockchain vogliono soddisfare. Ad esempio, uno sviluppatore su una blockchain ha bisogno che i suoi contratti intelligenti abbiano a disposizione dei dati sui tassi di interesse bancari giornalieri. Chainlink abbinerà l’operatore blockchain con oracoli in grado di fornire le informazioni più accurate per soddisfare la sua richiesta.

Chainlink (LINK): questa criptovaluta è un buon investimento? Ecco perché ha valore

L’operatore invierà la sua richiesta insieme ai token LINK necessari per l’esecuzione del contratto. Questi token verranno utilizzati per pagare gli oracoli che forniscono informazioni accurate che possano soddisfare i termini del contratto.

Una volta selezionati gli oracoli, questi si metteranno al lavoro per ottenere i dati desiderati da una fonte esterna (ad esempio un rapporto sui tassi di interesse bancari). Gli oracoli elaboreranno questi dati e li indirizzeranno a chi li richiede attraverso Chainlink. Chainlink a sua volta aggregherà i dati e valuterà i risultati, scegliendo le risposte più accurate e scartando i valori anomali. Questo procedimento garantisce che l’utente finale riceva solo informazioni corrette.

Queste nuove informazioni verranno trasmesse tramite Chainlink alla blockchain dell’operatore. Successivamente sarà possibile apportare modifiche in base alle informazioni ricevute, che ora risultano aggiornate e affidabili. Ad esempio se i tassi di interesse sono al di sopra di un certo livello, la blockchain potrebbe modificare il prezzo di un asset digitale in base a tali informazioni.

Nodi di Chainlink

Tieni presente che chiunque può eseguire un nodo Chainlink. I nodi di Chainlink possono essere divisi in due tipi:

  • Core – Nucleo. Questi nodi hanno la responsabilità di leggere i service-level agreements (SLA) e di trasmettere tutte le nuove informazioni all’adattatore Chainlink.
  • Adapter – Adattatore. Questi nodi facilitano il collegamento tra il nodo e i dati esterni. Gli adattatori possono leggere e scrivere nuove informazioni su contratti intelligenti blockchain.

Su quale Blockchain funziona Chainlink?

Per proteggere la rete Oracle, Chainlink utilizza un token ERC-20 basato su Ethereum. Ma Chainlink è un passo avanti rispetto a Ethereum, poiché ha già un meccanismo di consenso proof-of-stake (PoS) in atto. La PoS determina quali nodi convalideranno le transazioni in base a quanti token LINK hanno messo in stake sulla rete.

Ethereum stesso prevede di trasferirsi su PoS con il suo aggiornamento Ethereum 2.0. Il motivo è che il meccanismo di consenso PoS consuma meno energia rispetto al proof-of-work (PoW) ed è facilmente scalabile per aumentare il numero di transazioni che la rete può gestire.