Ultimi aggiornamenti sui casi più caldi nel mercato delle criptovalute: Terra (LUNA), 3AC, GreyScale, Celsius.. che succede?

Il crollo di Terra/LUNA è stato abbastanza grave da rendere le stablecoin algoritmiche uno spauracchio politico di per sé. Ma un importante hedge fund di criptovalute, Three Arrows Capital, aveva fatto scommesse enormi e altamente rischiose su di esso. Insieme a un paio di altri passi falsi, erano abbastanza grandi da renderlo insolvente.

criptovalute
Adobe Stock

Three Arrows Capital, o 3AC, era un cripto hedge fund fondato nel 2012 da Zhu Su e Kyle Davies. Con ben 18 miliardi di dollari di asset in gestione (AUM), aveva investimenti di rischio – Aave, KeeperDAO, Axie Infinity – e deteneva token, ma aveva anche scommesso molto, molto su LUNA. Zhu ha detto:

Quello che non siamo riusciti a capire è che Luna era in grado di scendere a zero effettivo nel giro di pochi giorni e che questo avrebbe catalizzato una stretta creditizia in tutto il settore che avrebbe esercitato una pressione significativa su tutte le nostre posizioni illiquide“.

Ultimi aggiornamenti sui casi più caldi nel mercato delle criptovalute

Il secondo era Grayscale Bitcoin Trust, un veicolo per investire in Bitcoin senza effettivamente detenere la criptovaluta. Popolare quando c’erano poche altre scelte per gli investitori istituzionali, è passato da un grande premio (10%-30%) sul valore del Bitcoin che deteneva a uno sconto grande e crescente (25%-30% quando 3AC ha iniziato a cedere a quasi 50% ora) dopo che altre alternative come gli ETF sono diventate disponibili all’inizio del 2021.

Il terzo era stETH, un derivato di staking liquido emesso da Lido, il più grande operatore di staking di Ethereum 2.0 prima del Merge. In un certo senso una “stablecoin” ancorata e supportata da ETH, stETH depegged.

Insieme, i tre furono fatali. L’azienda è in liquidazione e deve 3 miliardi di dollari ai creditori. I suoi fondatori e liquidatori sono in una guerra di parole. Quest’ultimo definisce Zhu e Davies inutili e afferma di trovarsi in “giurisdizioni note per difficoltà nell’esecuzione di ordini di tribunali stranieri“. Una pepita interessante sono i 30 milioni di dollari che i liquidatori sperano di ottenere per il superyacht dell’azienda chiamato Doge “Much Wow”, acquistato non molto tempo prima che tutto andasse a rotoli.

Celsius Network: che succede ora?

Il 13 giugno, uno dei più grandi prestatori di criptovalute, Celsius Network, con tre milioni di clienti, ha sospeso i prelievi citando “condizioni di mercato estreme”. La frase sarebbe diventata ampiamente utilizzata in quell’angolo di criptovalute.

Celsius è stato aggressivo nei tassi. La piattaforma offriva rendimenti superiori al 18% quando i conti di risparmio offrivano ben meno dell’1%. Il presidente della SEC Gary Gensler ha avvertito:

A volte, se sembra troppo bello per essere vero. Potrebbe essere troppo bello per essere vero in termini di quei siti Web che parlano di rendimenti del 7% o del 17%“.

L’amministratore delegato Alex Mashinsky ha parlato bene del riavvio dei prelievi. Ma le persone iniziavano a perdere le speranze. Molti hanno perso tutti i propri risparmi, “piangendo e pregando Dio che riuscissi a ritirare quei soldi. Ci sono voluti quattro anni e io lavoro 100 ore ogni settimana per risparmiare. Non riesco a dormire“.

Ma le cattive notizie continuavano ad arrivare. Un ex dipendente ha citato in giudizio l’azienda, sostenendo che stava utilizzando i fondi dei clienti per “manipolare i mercati delle criptovalute” senza introdurre “controlli contabili di base“. Un altro lo ha presto definito sciatto e mal gestito in un’intervista.

Con l’azienda da 1,2 miliardi di dollari in tasca a 300.000 clienti, il fallimento arrivò finalmente un mese dopo, il 13 luglio, quando Mashinsky disse:

Sono fiducioso che quando guarderemo indietro alla storia di Celsius, lo vedremo come un momento determinante. Agire con determinazione e fiducia ha servito la community e rafforzato il futuro dell’azienda“.

A quel punto Voyager Digital era già in bancarotta grazie a prestiti non garantiti a 3AC. BlockFi è stato salvato (per il momento) dallo stesso destino da FTX di Sam Bankman-Fried. E altri stavano cadendo a causa dei prestiti 3AC. Mashinsky si è dimesso alla fine di settembre, definendo l’attività una “distrazione“.

Pochi giorni dopo si è scoperto che lui e altri due alti dirigenti avevano ritirato 56 milioni di dollari nelle settimane precedenti il ​​fallimento.