Affidabilità degli investimenti in criptovalute: il crollo di BlockFi la dice lunga sui rischi del settore, vediamo bene cos’è successo.

Il 2022 di BlockFi non è stato esattamente un buon anno, come per tutte le piattaforme nel mercato delle criptovalute.

investire criptovalute
Adobe Stock

A febbraio, la Securities and Exchange Commission (SEC) l’ha usata come cavia nel suo assalto al prestito di criptovalute, che l’agenzia ha etichettato come una forma di vendita di titoli non registrata. Insieme a circa tre dozzine di regolatori statali, ha estorto una multa di $100 milioni di dollari.

Affidabilità degli investimenti in criptovalute: il crollo di BlockFi

A giugno BlockFi era alle corde a causa del crollo di 3AC e del clima di panico, e ha interrotto i prelievi. Quindi Sam Bankman-Fried è corso in soccorso, offrendogli una linea di credito da $ 250 milioni che è stata infine ampliata a $ 400 milioni e un’opzione per FTX US per acquisire BlockFi.

Il CEO di BlockFi, Zac Prince, ha twittato il 1° luglio:

Quindi, quali eventi hanno portato a questo accordo con FTX US? La volatilità del mercato delle criptovalute, in particolare gli eventi di mercato relativi a Celsius e 3AC, hanno avuto un impatto negativo su BlockFi. Le notizie di Celsius del 12 giugno hanno avviato un aumento dei prelievi dei clienti dalla piattaforma di BlockFi nonostante noi non abbiamo alcuna esposizione a loro. Nella stessa settimana, le notizie di 3AC hanno diffuso ulteriore paura nel mercato“.

Mentre BlockFi ha perso solo $80 milioni da 3AC – molto meno di molti altri prestatori di criptovalute, ha osservato Prince – ha dovuto fermare i prelievi. Per quanto riguarda l’accordo FTX, ha spiegato, era l’unica offerta di capitale che non avrebbe dato un taglio di capelli ai clienti esistenti o li avrebbe messi dietro ad altri creditori.

Ha aggiunto, in un commento che non è invecchiato bene:

Alla fine, abbiamo trovato un ottimo partner in @FTX_US, che condivide il nostro impegno nei confronti dei clienti. Questo rappresenta il miglior percorso da seguire per tutte le parti interessate di @BlockFi e per l’ecosistema crittografico nel suo insieme… ora c’è ancora più vantaggio in futuro“.

Fino a quando FTX non è imploso. Ora, BlockFi deve a FTX 275 milioni di dollari. Ma ha $355 milioni congelati sull’exchange in bancarotta. Peggio ancora, Alameda Research in bancarotta ora deve a BlockFi 671 milioni di dollari. Ha citato in giudizio per la garanzia, le azioni di Bankman-Fried e la piattaforma di trading di criptovalute Robinhood.

È improbabile che BlockFi e i suoi 100.000 creditori rivedano i propri soldi da FTX. Il 28 novembre ha finalmente fatto ciò che aveva evitato per sei mesi: ha presentato istanza di fallimento. Poi ha licenziato quasi 200 dipendenti, circa due terzi del suo personale.

Il suo più grande creditore è Ankura Trust Company, a cui deve 729 milioni di dollari per conto di uno o più altri creditori. Inoltre Peter Thiel, un investitore di Vauld, possiede anche il 19% di BlockFi, quindi ha subìto un duro colpo.

Aggiungendo la beffa al danno: la SEC attende da BlockFi ancora $30 milioni di dollari, e probabilmente avrà la precedenza rispetto ai creditori in fila per ottenere i propri soldi.