Anche se gli effetti del crollo del grande exchange di criptovalute FTX si fanno ancora sentire, il Giappone sta allentando le regole sulla quotazione dei token crittografici.

Nonostante il terribile stato del mercato delle criptovalute e il crollo di FTX, il governo del Giappone ha scelto di rendere più semplice per gli exchange di criptovalute offrire i loro prodotti nel paese. Il Giappone sta allentando le rigide leggi sulle criptovalute anche se gli impatti del crollo dell’exchange di criptovalute FTX si fanno ancora sentire in tutta la criptosfera e i mercati tradizionali.

Giappone criptovalute regolamentazione
Adobe Stock

La politica economica dell’amministrazione del Primo Ministro Fumio Kishida sta sviluppando l’industria del Web3. Per sostenere gli imprenditori in questo settore, probabilmente rivedrà le imposte sulle società nel prossimo anno.

Secondo i documenti ottenuti da Bloomberg, l’organizzazione che sovrintende agli scambi di criptovalute ha allertato le società associate della nuova regola mercoledì 28 dicembre. Se i token non sono del tutto nuovi per il mercato giapponese, la regola consente loro di elencare le monete senza dover passare attraverso un lungo processo di pre-screening.

La regolamentazione cripto del Giappone

Uno dei sistemi normativi più avanzati per le criptovalute si trova in Giappone. Bitcoin e altre risorse virtuali sono riconosciute come proprietà legittima ai sensi del Payment Services Act (PSA).

Questa legislazione impone che gli exchange di criptovaluta in Giappone si registrino e seguano i requisiti comuni antiriciclaggio/lotta al finanziamento del terrorismo (AML/CFT). Nel 2017 la National Tax Agency ha deciso di classificare i guadagni in criptovaluta come “redditi vari”. Di conseguenza, gli acquirenti dovrebbero essere risarciti.

Regolamento per il commercio di criptovalute in Giappone

Gli exchange di criptovalute sono consentiti in Giappone, tuttavia a seguito di una serie di furti di alto profilo, in partcolare un furto di 530 milioni di dollari in valuta digitale, le regole sulle criptovalute sono diventate di importanza nazionale. I regolamenti sul commercio e sui cambi vengono applicati in modo più rigoroso dalla Japanese Financial Services Agency (FSA).

In Giappone, le leggi che regolano gli exchange di bitcoin e criptovalute stanno cambiando. Solo le società con un ufficio finanziario altamente competente sono autorizzate a operare come exchange di bitcoin, in linea con la posizione progressista del Giappone. Sotto il PSA, questo è. Gli scambi che possono dimostrare di aver soddisfatto un criterio di registrazione uguale nella nazione ospitante sono autorizzati a operare.