L’hashrate della rete Bitcoin, ossia la sua potenza di calcolo, è aumentato a 241,29 EH/s dopo essere sceso di quasi il 40% a 170,60 EH/s. Da un massimo settimanale di 276,40 EH/s, l’hash rate è diminuito notevolmente. Ora è in fase di recupero

Il declino è stato attribuito alla rete elettrica degli Stati Uniti d’America stressata dalle temperature estremamente rigide del paese.

hash rate bitcoin mining
Adobe Stock

Il clima invernale compromette le operazioni di mining

L’esplosione artica che ha colpito il paese la settimana prima di Natale ha causato un disastro sotto forma di un’enorme tempesta che ha distrutto la rete elettrica e lasciato milioni di persone senza elettricità. 28 persone sono morte a causa del clima gelido. Il sistema elettrico era sovraccarico, il che ha avuto un’influenza negativa anche sulle operazioni di mining di bitcoin. Secondo i rapporti, i minatori di Bitcoin con sede in Texas, che costituiscono una parte considerevole dell’hash rate del paese, hanno interrotto volontariamente il mining, restituendo energia alla rete e consentendo ai locali di mantenere il calore delle loro case.

L’interruzione causata dalle attività di mining ha avuto un grande effetto sull’hashrate di Bitcoin. Il tasso di hash varia tipicamente da 225 a 300 Exhashes al secondo (EH/s). Il 25 dicembre questo valore è sceso a 170,60 EH/s. Tuttavia, le statistiche del calcolatore di hash rate mining CoinWarz mostrano che l’hash rate è aumentato a 241,29 EH/s.

Le discussioni della community portano all’abbandono

Contando gli hash generati dai minatori mentre risolvono il blocco successivo, viene determinato il tasso di hash di Bitcoin. Un indicatore cruciale per valutare la sicurezza della rete Bitcoin è l’hash rate. Il fondatore di FutureBit, John Stefanop, ha fatto un commento polemico dopo che l’hash rate è sceso, accusando le operazioni di mining altamente controllate del Texas di essere chiuse contemporaneamente. Come ha detto Stefanop,

“Lo so, ma questo non cambia il fatto che una manciata di mine di dimensioni considerevoli in Texas ha un impatto del 33% sull’intera rete, e quindi le transazioni di tutti ora vengono confermate il 30% più lentamente perché l’hash rate non è sufficientemente decentralizzato Questo evento non si sarebbe nemmeno registrato sulla rete se l’hash rate fosse stato distribuito ampiamente nel mondo da decine di milioni di piccoli minatori piuttosto che da una manciata di grandi miniere.

Dan Held, un sostenitore del bitcoin, ha confutato l’affermazione, affermando che i modelli meteorologici e il loro effetto sulle operazioni commerciali non sono gli stessi della proprietà o della gestione centralizzata.

Bitcoin sta ancora “funzionando perfettamente”

Il tempo e tutti i problemi che ha causato non hanno impedito alla rete Bitcoin di funzionare senza intoppi. Dennis Porter, CEO di Satoshi Action Fund, un’organizzazione di supporto per il mining di Bitcoin, ha fatto questa osservazione in un tweet. Porter ha affermato:

“Sebbene il clima rigido del Texas abbia causato la disattivazione di oltre il 30% dell’hash rate di Bitcoin, la rete Bitcoin nel suo insieme funziona ancora in modo impeccabile. Ora immagina se Google o Amazon abbiano tentato di chiudere un terzo dei loro data center.”

Hash rate in aumento

Gli Stati Uniti ora contribuiscono maggiormente all’hash rate di Bitcoin. Oltre il 37% della quota di hash rate mensile è ora rappresentata dagli Stati Uniti, secondo il Cambridge Electricity Consumption Index. Georgia, Kentucky, New York e Texas, i primi quattro stati per il mining di Bitcoin, hanno tutti subito gravi interruzioni di corrente a causa dell’intensa tempesta di neve.

Grazie a regolamenti benevoli, negli ultimi mesi il Texas in particolare ha registrato un notevole aumento del mining di Bitcoin. Per questo motivo, molte delle più grandi società minerarie hanno stabilito operazioni nello stato. Questi includono Genesis Digital Assets, Argo, Rion Blockchain, Bitdeer, Compute North e Core Scientific.

Ma le imprese di mining stanno ora affrontando un numero crescente di problemi a causa dei recenti avvenimenti. Le imprese minerarie hanno accumulato debiti per 4 miliardi di dollari a causa del protrarsi del mercato ribassista. Anche alcune note società minerarie con sede negli Stati Uniti hanno recentemente dichiarato bancarotta. Ma finora, non sembra che i recenti eventi abbiano avuto un effetto sul prezzo di Bitcoin.