Il Co-fondatore di Metamask, il più utilizzato wallet browser per interagire con blockchain, ha definito come una stupidaggine l’idea di Apple di applicare la sua commissione del 30% anche sulle gas fee delle transazioni on chain per gli NFT.

Giovedì scorso, Coinbase Wallet ha dichiarato che interromperà il supporto per i trasferimenti NFT per i clienti iOS, citando il prezzo del gas del 30% di Apple. In risposta ai sostanziali tagli di Apple, Dan Finlay, co-fondatore del portafoglio Metamask, ha dichiarato di essere solidale con Coinbase ed è pronto ad abbandonare l’ecosistema Apple.

apple nft commissione
Adobe Stock

Finlay ha anche criticato il monopolio di Apple con i suoi prelievi del 30%, dicendo: “Raccoglieranno anche il 30% dei miei acquisti con carta di credito in Apple Wallet?”

Apple contro tutti

Secondo la recente testimonianza di Apple contro Epic Games, il concetto di una tassa del 30% è stato originato dal settore dei giochi. Questo è il motivo per cui servizi come Netflix possono aggirarlo, secondo Finlay.

Nell’ottobre 2022, Apple ha annunciato la sua nuova politica fiscale per NFT e transazioni crittografiche. Tuttavia, la nuova politica di Apple contraddice l’ingiunzione del tribunale. Durante la loro battaglia legale con Epic Games, il giudice del tribunale ha dichiarato che Apple dovrebbe consentire vari tipi di transazioni in-app.

MetaMask propone un nuovo servizio per eludere le commissioni imposte da Apple

Dan Finlay, co-fondatore di MetaMask, ha proposto di istituire un nuovo servizio di inoltro delle transazioni con pagamento anticipato per aiutare i consumatori Apple a evitare questa enorme struttura fiscale. Ha sbattuto Apple, dicendo:

“Apple non sta giocando secondo le regole qui. Stanno semplicemente spremendo. Forse è il momento di istituire un servizio di inoltro di tx prepagato esterno in modo che non ci siano “commissioni” nell’app. Perché è una sciocchezza, le sciocchezze di Apple possono essere semplicemente giocato “Apple mi dà una sensazione ribelle.”

Finlay, invece, ha dichiarato di aver incontrato i massimi dirigenti di Google. Ha affermato che Google è più aperto all’interazione con il sistema piuttosto che esprimere giudizi politici arbitrari.

“Una delle cose più strane di questa particolare decisione politica è quanto sia arbitraria”, ha concluso il co-fondatore di MetaMask. Perché solo commissioni di transazione NFT? Perché non vendere NFT? Perché non anche altri tx o vendite? E, naturalmente, perché non altre forme di pagamento? L’incoerenza è inquietante perché non vi è alcuna indicazione di dove potrebbe finire”.

Sarà interessante vedere se altre società di criptovalute che stanno sopportando il peso maggiore della Apple Tax si faranno avanti.