John Deaton, avvocato dei titolari di XRP nella causa SEC contro Ripple, suggerisce che Sam Bankman Fried di FTX potrebbe non ottenere una dura punizione dalla corte al termine del processo.

La crisi del grande exchange di criptovalute FTX, guidata da Sam Bankman-Fried (SBF), ha lasciato un danno significativo nel mercato degli asset digitali. Con la diffusione del virus di questo epocale fallimento, la comunità crittografica e i leader hanno rimproverato i cani da guardia per aver permesso a SBF di esistere fino ad ora.

sam bankman fried FTX
Criptomercato.it

Tuttavia, l’avvocato di XRP ha fatto marcia indietro sulla sua previsione di una condanna esemplare ai danni dell’ex miliardario Sam Bankman Fried.

L’accordo FTX-BlockFi di SBF era una farsa?

Nel contenzioso SEC contro Ripple, l’avvocato dei titolari di XRP, John Deaton, ha affermato che anche l’accordo FTX e BlockFi era fraudolento. SBF ha stabilito che i soldi fossero trattenuti su FTX mentre li prestava all’altra sua compagnia senza permesso. Ciò equivale direttamente al furto.

SBF ha ripetuto questa procedura, che stabilisce uno scopo. Ha usato quei soldi per fare un prestito ad Alameda. Tuttavia, ha utilizzato le stesse somme per ulteriori acquisti e donazioni politiche.

Sam Bankman Fried ha utilizzato i fondi dei clienti per acquistare immobili per un valore di oltre 100 milioni di dollari a nome dei suoi genitori. Mentre l’avvocato di XRP afferma che l’accordo BlockFi da solo offre la giurisdizione degli Stati Uniti e lo scopo esplicito di imprigionare SBF. BlockFi, invece, rischia di dichiarare bancarotta.

L’ex CEO di FTX andrà in prigione?

Deaton ha sottolineato che l’unica questione ragionevole qui sulla prigione SBF è se dovrebbe avvenire ora o tra poche settimane. Ciò sarà deciso dopo che saranno raccolte prove più precise. Tuttavia, numerosi analisti hanno affermato che ci sono prove sufficienti per imprigionare SBF in questo momento.

L’avvocato di XRP ha lasciato intendere che queste misure contro Sam Bankman Fried porteranno tutte le persone sotto pressione al tavolo per raggiungere un accordo con la Divisione penale degli Stati Uniti.

Tuttavia, se SBF dovesse mai affrontare un processo, non dovremmo restare troppo sorpresi dal risultato. L’ex CEO di FTX potrebbe ricevere una condanna minore rispetto ad altri.

Secondo il sito di informazione cripto Coingape, il governo turco ha sequestrato i beni di FTX in Turchia. Mentre accusano SBF e altri di crimini come riciclaggio di denaro, manipolazione del mercato e frode.