Il fallimento di piattaforme come FTX, Celsius, BlockFi, Voyager Digital e Hodlnaut ha instillato forti sospetti nei servizi di custodia centralizzati, in particolare quelli che non beneficiano direttamente dei servizi di custodia.

Chi rimane in attività e onora i ritiri deve trovare un metodo per riconquistare la fiducia ed evitare un grande esodo di utenti.

proof reserve exchange
Adobe Stock

Il concetto di “prova di riserva” è sorto come uno strumento popolare per questo scopo. Ma come funziona in pratica e può mantenere la fiducia dei clienti nei sistemi di custodia come opzione di mercato per la DeFi?

Cos’è esattamente la Proof of Reserve degli exchange

Proof of reserve (PoR) è un tentativo di offrire trasparenza pubblica alle riserve centralizzate di criptovaluta tramite audit verificabili. Utilizza prove crittografiche e verifica della proprietà dell’indirizzo del portafoglio pubblico, nonché audit periodici di terze parti, per verificare pubblicamente che una piattaforma centralizzata disponga di risorse sufficienti per corrispondere ai depositi degli utenti.

I singoli utenti possono utilizzare questa tecnica crittografica per assicurarsi che il saldo del proprio conto sia incluso nell’attestazione.

Sebbene la soluzione utilizzi la tecnologia blockchain, si affida comunque a revisori e processi contabili di terze parti per valutare eventuali asset off-chain.

Perché è richiesta di Proof of Reserve

Gli scambi di custodia svolgono una funzione di mercato essenziale fornendo accesso a investitori istituzionali e individuali che sono riluttanti o incapaci di custodire autonomamente i propri beni. Sebbene sia ovvio che la prova delle riserve non può fornire lo stesso livello di apertura delle piattaforme non detentive basate su blockchain. I loro sostenitori affermano che una certa trasparenza è preferibile a nessuna.

Gli utenti possono leggere gli attestati di riserva per verificare on-chain che il custode disponga di risorse adeguate per sostenere un audit di terze parti sui depositi se combinato con una divulgazione pubblica e legalmente vincolante delle passività. I clienti possono anche determinare rapidamente se gli asset vengono riipotecati, non sono supportati da un solido paniere di asset o vengono utilizzati per altre azioni ad alto rischio che potrebbero metterne in pericolo la disponibilità.

Come vengono effettuati gli audit

Il revisore di terze parti acquisisce la prova delle riserve durante un audit raccogliendo un’istantanea anonima dei saldi degli utenti. Sono comunemente calcolati eseguendo l’hashing del saldo dell’account di un utente con il suo ID univoco. Il revisore li aggrega quindi in un albero Merkle crittografico, che produce una radice Merkle. Uun hash crittografico che rappresenta un mix univoco di tutti i saldi utente.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’albero Merkle consente di verificare l’esattezza di tutti i saldi confrontando alcuni saldi anonimi con quelli convalidati. Ad esempio, ogni utente può controllare l’albero per vedere se è incluso il saldo del proprio account.