Il famoso prestatore di criptovalute Hodlnaut è finito sotto la lente di agenzie invesigative di Singapore per possibili condotte scorrette che potrebbero portare ad accuse di frode e truffa aggravata.

Un altro prestatore di criptovalute, ora situato a Singapore, è attualemente in grosse difficoltà. Secondo gli sviluppi più recenti, la polizia di Singapore sta ora indagando sul prestatore di criptovalute Hodlnaut Pte con l’accusa di frode e inganno.

hodlnaut indagini
Adobe Stock

Le operazioni del prestatore di criptovalute in difficoltà, come quelle di altri partecipanti al mercato, sono state messe a dura prova durante l’inverno delle criptovalute. Secondo quanto riferito, Hodlnaut ha perso 190 milioni di dollari a causa del crollo dell’ecosistema Terra all’inizio di quest’anno.

Le indagini delle autorità su Hodlnaut

L’indagine è iniziata mercoledì 23 novembre, secondo la polizia, con varie accuse relative a “false affermazioni relative all’esposizione della società a un determinato token digitale”. Hodlnaut ha cessato i prelievi sulla sua piattaforma nell’agosto di quest’anno e ha ricevuto la protezione dei creditori.

Come affermato in precedenza, Hodlnaut è uno dei prestatori di criptovalute che ha sperimentato notevoli difficoltà operative a seguito del crollo dell’ecosistema TerraUSD. Hodlnaut ha precedentemente dichiarato che ci sono “processi pendenti” con la polizia.

Il tribunale ha nominato dirigenti giudiziari ad interim per Hodlnaut. Che ha prodotto un rapporto il mese scorso sostenendo che la società aveva sopravvalutato la sua esposizione al defunto ambiente Terra.

Requisiti normativi più severi nella città-stato di Singapore

I regolatori di Singapore hanno recentemente rafforzato la presa sul settore delle criptovalute del paese. Ciò è avvenuto con l’implosione dell’ecosistema Terra con sede a Singapore, che si è diffuso come un virus in tutto il mondo delle criptovalute.

Il mese scorso la Monetary Authority of Singapore ha raccomandato un quadro normativo per ridurre il rischio degli investitori nel trading di criptovalute. Il MAS vieta agli investitori ordinari di utilizzare carte di credito o prendere in prestito denaro per scambiare criptovaluta.

Mentre Singapore tenta di prendere le distanze dal suo status di crypto-friendly, Hong Kong sembra cogliere questa opportunità. Secondo alcune indiscrezioni, Hong Kong sta pianificando di reintrodurre il trading di criptovalute nel paese. Nel bel mezzo delle dinamiche in evoluzione dell’industria delle criptovalute in Asia, Hong Kong potrebbe sottrarre alcuni affari a Singapore.

Tuttavia, il capo del MAS Ravi Menon ha dichiarato inequivocabilmente:

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

“Non intendiamo competere con altre giurisdizioni, in particolare in termini di legislazione”. Dobbiamo fare ciò che è bene per noi e necessario per mitigare i rischi. E i pericoli colpiscono soprattutto gli investitori ordinari”.