La Banca del Giappone è l’ultima grande potenza economica a testare una CBDC, aumentando la pressione sugli Stati Uniti e sulle cripto.

La Banca del Giappone è diventata l’ultima banca centrale – in ordine cronologico – a voler testare una versione digitale della sua valuta nazionale.

giappone criptovalute
Adobe Stock

La BoJ ha annunciato un test proof-of-concept dello yen digitale con le sue tre megabanche e un numero di altre più piccole. La mossa arriva in ritardo rispetto al piano dell’India per il lancio nel 2023.

Il Giappone ha intenzione di testare la propria CBDC: cosa cambia ora

La BoJ sta collaborando con le tre megabanche del paese e un certo numero di banche regionali. L’obiettivo è testare una valuta digitale della banca centrale – lo yen digitale – o CBDC, secondo un rapporto del 23 novembre dell’agenzia di stampa Nikkei.

Insieme a Mitsubishi UFJ Financial Group, Sumitomo Mitsui Financial Group e Mizuho Financial Group, anche le banche più piccole parteciperanno a test di prova delle funzioni di base di una CBDC, come depositi e prelievi di base.

Il test esaminerà anche come un tale sistema funzionerebbe durante eventuali disastri naturali e altre circostanze in cui Internet non è disponibile. La capacità di funzionare offline è considerata un problema importante da risolvere. I governi dovranno occuparsene se vogliono rendere effettivamente praticabile una valuta digitale.

Il periodo di prova dovrebbe essere di almeno due anni, per poi procedere in modo definitivo nel 2026.

Ciò è in netto contrasto con la Reserve Bank of India. L’istituzione ieri ha annunciato l’intenzione di lanciare a breve un test con 400.000 persone. L’obiettivo è un lancio almeno parziale nel 2023.

È un programma estremamente aggressivo. La Cina ha iniziato a lavorare allo yuan digitale nel 2014, e ha impiegato due anni a lanciarlo definitivamente. Ha svolto una serie di lotterie nelle principali città, per far firmare fino a 50.000 persone alla volta. In questo modo sono riusciti a lanciare il portafoglio digitale utilizzato per le CBDC, chiamato anche e-CNY.

Maggiore pressione

Il movimento del Giappone sarà un altro punto di pressione applicato agli Stati Uniti, principalmente sulla Federal Reserve e sul Dipartimento del Tesoro .

Insieme ai piani per le CBDC in Cina e India, che insieme rappresentano un terzo della popolazione mondiale, anche la Banca centrale europea (BCE) ha spinto aggressivamente per ottenerne una. E più grandi economie entreranno in gioco, maggiore sarà la pressione sugli Stati Uniti affinché seguano l’esempio.

L’opposizione delle banche

Nel dibattito americano, le banche statunitensi si sono espresse in modo molto aggressivo contro un eventuale dollaro digitale, citando timori condivisi dalle banche di tutto il mondo.

A maggio, gruppi di pressione bancaria tra cui l’American Banking Association (ABA) e il Bank Policy Institute (BPI) hanno risposto a un rapporto della Federal Reserve Bank molto neutrale sul dollaro digitale. Hanno chiarito che combatteranno con le unghie e con i denti contro un movimento di questo tipo.

Il dollaro digitale “potrebbe presentare seri rischi per la stabilità finanziaria e potrebbe fornire pochi o nessun vantaggio“, ha affermato il Bank Policy Institute. Successivamente ha avvertito che una CBDC statunitense “minerebbe il sistema bancario commerciale negli Stati Uniti e limiterebbe gravemente la disponibilità di credito all’economia“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Se “l’obiettivo di una CBDC è quello di realizzare il vantaggio dell’innovazione tecnologica, dovremmo cercare di sfruttare nuovi sviluppi nel denaro privato, come i sistemi di pagamento in tempo reale e le stablecoin ben regolamentate“, ha affermato l’ABA, aggiungendo che parte di “ben regolamentato” significa “emesso dalla banca“.