FTX non può salvare BlockFi, ma Voyager Digital trova un eroe inaspettato: alcuni risvolti interessanti a cui prestare attenzione.

Ai tempi Sam Bankman-Fried stava ancora interpretando la parte dell’eroe dell’industria delle criptovalute. Alcuni mesi fa SBF aveva lanciato un’ancora di salvezza a due delle prime vittime del crollo della stablecoin post-Terra/LUNA: i prestatori di criptovalute BlockFi e Voyager Digital.

blockfi
Adobe Stock

Alcune società di criptovalute stanno cercando di fare un’offerta per salvare il salvabile. Le risorse di Voyager Digital fornirebbero una via d’uscita dalla bancarotta, mentre FTX sembra dirigersi verso il capitolo 11. Vediamo bene cosa sta succedendo.

BlockFi e Voyager: c’è davvero speranza?

A BlockFi è stata offerta una linea di credito da $250 milioni (che è cresciuta fino a $400 milioni) dalla piattaforma FTX ed è rimasto in attività, riaprendo i prelievi. Intanto il backstop da $500 milioni lanciato a Voyager dall’altra società di Bankman-Fried, la società commerciale Alameda Research, non è stato all’altezza, andando in bancarotta.

Ora le fortune dei due prestatori di criptovalute sembrano invertirsi. Il fallimento di FTX ha portato BlockFi a chiudere ancora una volta i prelievi e il fallimento è incombente. Bloomberg che ha riferito che archivierà “entro pochi giorni”.

Un mese fa FTX.US ha fatto un’offerta e ha vinto un’asta per le risorse di Voyager, battendo i concorrenti, incluso Binance. Sembrava che stesse offrendo a Voyager una strada per evitare il Capitolo 11. La mossa avrebbe consentito ai clienti di riottenere l’accesso fino al 72% delle loro partecipazioni bloccate. Il gruppo FTX è successivamente andato a gambe all’aria.

Ma questa volta Voyager ha concrete speranze di riuscire a riemergere.

Mentre si è dichiarato “scioccato, scontento, costernato” per il fallimento di FTX, secondo Bloomberg, Voyager sembra aver trovato un nuovo eroe in Binance.US, la società sorella americana del più grande exchange di criptovalute del mondo. Binance.US, ha riferito CoinDesk il 17 novembre, si sta preparando a fare offerte per ottenere le risorse di Voyager Digital. E non è solo. Anche altri due offerenti, Wave Financial e la piattaforma di trading Cross Tower, sono in lizza.

Niente più eroi

Tuttavia, l’ufficiale capo delle comunicazioni di Binance, Patrick Hillmann, ha dichiarato a CoinDesk che la società “non sta cercando di essere il ‘cavaliere bianco’ delle criptovalute… può aiutare a rafforzare il settore attraverso un cigno nero“.

Il CEO di Binance Changpeng “CZ” Zhao ha annunciato un fondo per la ripresa del settoreper aiutare progetti altrimenti forti, ma in crisi di liquidità“.

Il 16 novembre, ha affermato che il fondo non ancora specificato “ridurrà gli ulteriori effetti negativi a cascata di FTX“, ha riferito Reuters.

Zhao ha aggiunto che Binance ha ottenuto “un interesse significativo finora” da altri “players con solide finanze” del settore delle criptovalute, aggiungendo “dovremmo unirci“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

OKX, un popolare exchange di criptovalute, ha dichiarato a The Block che sta istituendo un “fondo di recupero del mercato” da 100 milioni di dollari per “fornire risorse e supporto per l’integrazione a progetti di alta qualità, oltre a fornire supporto tecnico, liquidità e altro supporto necessario.