L’ex collaboratore della National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti, ora diventato informatore, ha criticato l’exchange di criptovalute Coinbase per il suo mettere davanti la conformità rispetto agli interessi dei suoi clienti.

Secondo Edward Snowden, le aziende che non hanno dato la priorità alle esigenze dei propri clienti hanno contribuito a questo allontanamento dalle origini di Internet.

edward snowden coinbase
Criptomercato.it

Abbiamo perso quell’internet a causa dei miliardi di persone che abbiamo inserito e le persone che fungevano da gateway per questo non avevano a cuore i loro migliori interessi, ha affermato.

Edward Snowden: Coinbase come Facebook

Quando si tratta dell’adozione delle criptovalute, l’ex appaltatore della NSA diventato informatore, noto per aver rivelato un programma di sorveglianza di massa illegale negli Stati Uniti nel 2013, ha affermato di vedere emergere una tendenza simile.

Snowden ha confrontato il processo con cui Coinbase, uno storico exchange di criptovalute, integra gli utenti con il modo in cui Facebook si è affermato come standard dei social media.

Le persone “sfruttano lo stesso tipo di ignoranza che ha portato così tante persone a credere che toccare l’app di Facebook sul proprio telefono sia accedere a Internet, e ora le persone credono che la criptovaluta sia Coinbase o qualcos’altro altrettanto terribile“, ha riferito.

Ha detto: “Non è davvero niente di personale per quelli di voi nella stanza che lavorano per Coinbase, siete solo un esempio [di] eccessivamente compiacente, eccessivamente indulgente”. “Sì, voi ragazzi diventerete comunque ricchi, guadagnerete un sacco di soldi, ma avete davvero servito i migliori interessi della società?”

Sin dal suo inizio, Coinbase afferma di aver attribuito un’alta priorità alla conformità normativa. La società sostiene inoltre che la cooperazione con le autorità di regolamentazione è essenziale per ottenere un’ampia accettazione delle criptovalute come asset class.

La conformità “deve essere fondamentale per il modo in cui operiamo”, ha affermato la società in un post sul blog. “Abbiamo sempre creduto che affinché le criptovalute ottengano la legittimità necessaria per l’adozione mainstream, la conformità non può essere un ripensamento”. Il rispetto degli attuali quadri normativi è un requisito, non un’opzione.

Coinbase nel mirino

Inoltre, Snowden ha affermato che la dedizione di Coinbase alle procedure Know-Your-Customer (KYC), che le aiuta a rimanere conformi alle normative antiriciclaggio, è un freno all’avvento delle criptovalute. Ha continuato facendo un confronto tra Coinbase e un’azienda che vende beni in modo molto simile a un rivenditore di articoli per la casa come Home Depot.

Ha detto: “Fantastico, hai reso popolare il tosaerba: i tosaerba sono importanti, sono preziosi. Non stai nemmeno costruendo tosaerba, li stai vendendo. Ma nessuno mi chiede di mostrare il mio passaporto e avere la mia faccia scansionata quando vado a comprare un tosaerba, e il fatto che voi ragazzi supportiate questo è francamente tossico e imbarazzante.

Secondo Snowden, le aziende che cercano di introdurre le persone a Web3 pur rimanendo conformi alle leggi dovrebbero farlo in un modo che non comprometta gli ideali che inizialmente hanno attirato le persone nel settore.

Quando si tratta di verificare i clienti che interagiscono con la società e di far rispettare le regole che impediscono il riciclaggio di denaro, Coinbase ha dichiarato di avere gli stessi obblighi di altri importanti istituti finanziari. I suoi programmi di conformità sono fortemente influenzati dalle banche al dettaglio.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’azienda spiega che i suoi programmi di conformità, che includono tenere d’occhio il mercato delle criptovalute nel suo insieme e cercare frodi finanziarie, sono progettati per salvaguardare i propri clienti.