Mentre la maggior parte degli exchange di criptovalute si stanno riunendo per rivelare la loro Proof of Reserves, questa società del settore cripto sembra proprio voler stare dalla parte opposta della barricata.

Gli exchange di criptovalute si stanno affrettando a controllare le loro riserve sotto l’influenza di CZ in seguito al crollo del gigante delle criptovalute FTX. Il concetto di Proof-Of-Reserves è stato proposto per la prima volta dal CEO di Binance.

grayscale proof of reserve
Adobe Stock

Tuttavia, Grayscale, una società che investe in risorse digitali, ha rifiutato di rivelare la sua prova di riserva on-chain per motivi di sicurezza.

Preoccupazioni per la sicurezza di Grayscale

Grayscale ha annunciato su Twitter venerdì pomeriggio di non divulgare pubblicamente alcuna informazione sul portafoglio on-chain o informazioni di conferma. Sia attraverso una prova di riserva crittografica o un’altra sofisticata procedura di contabilità crittografica. Ciò è dovuto a problemi di sicurezza.

La società ha riconosciuto che mantenere private le informazioni sulle riserve avrebbe deluso alcuni investitori. E che erano consapevoli del fatto che, sulla scia del fallimento di FTX la scorsa settimana, stanno attualmente aumentando le pressioni sugli exchange di criptovalute per divulgare maggiori informazioni sulle loro riserve.

Dopo la crisi FTX, gli exchange di criptovalute si affrettano a offrire Proof of Reserve

La scala di grigi ha aggiunto quanto segue:

“Ma il panico causato da altri non è una scusa sufficiente per aggirare le intricate misure di sicurezza che hanno protetto per anni i beni dei nostri investitori”,

Il prodotto ETHE di Grayscale e Bitcoin Trust (GBTC) hanno entrambi registrato minimi record giovedì. A causa della sua considerevole esposizione all’ormai defunto exchange FTX, anche la società madre della società, Digital Currency Group, sta avvertendo la pressione. In seguito al crollo di FTX, Genesis, un’altra organizzazione collegata a Grayscale, ha recentemente smesso di accettare i prelievi dei clienti.

La Proof of Reserve degli exchange è l’approccio ideale?

Un metodo di verifica chiamato “Proof-of-Reserves” verifica l’esistenza di beni disponibili. Non è così nuovo come alcuni vorrebbero far credere perché i principali giocatori di criptovaluta come Paxos e BitMEX lo stavano già usando prima della debacle di FTX.

Tuttavia, è stato proprio CZ a rendere pubblica la situazione durante la controversia in corso sulla transazione Binance-FTX. Poco dopo, Binance ha iniziato a twittare sulle sue riserve affinché tutti potessero vederle. Al fine di aumentare la trasparenza del settore, molti altri exchange di criptovalute, tra cui Crypto.com e Huobi, hanno successivamente rivelato alcune delle loro riserve.

Tuttavia, CZ ha consigliato agli investitori di evitare questi exchange a causa delle loro dubbie attività on-chain, soprattutto dopo aver rivelato le loro riserve.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Sumit Gupta, il creatore dell’exchange di criptovalute indiano CoinDCX, sostiene che la prova di riserva racconta solo una parte della storia e che la “prova di passività” è necessaria per completare il quadro.