I supervisori della FTX starebbero approvando le “richieste di pagamento” dei dipendenti rispondendo con “emoji personalizzati”, l’epopea del defunto exchange di criptovalute non sette di stupire.

La maggior parte delle persone nella comunità delle criptovalute ha probabilmente sentito parlare della dichiarazione di fallimento di FTX ormai.

E, come ha descritto il nuovo CEO di FTX, John Jay Ray III, la gestione interna dell’azienda è stata un “fallimento totale”.

“Non ho mai visto un collasso così grave dei controlli aziendali e una totale mancanza di informazioni finanziarie affidabili come è emerso qui”, ha affermato.

ftx disastro
Adobe Stock

Ray III ha anche rivelato alcuni dettagli su come ha operato l’exchange di criptovalute con sede alle Bahamas che da allora è fallito.

Ecco alcuni dei punti salienti:

1. Ottenere chiavi private segrete

FTX non ha seguito le procedure di sicurezza quando si trattava di risorse digitali. L’ex CEO Sam Bankman-Fried e il suo co-fondatore e Chief Technology Officer Gary Wang “controllavano l’accesso alle risorse digitali delle principali attività del gruppo FTX”, secondo il deposito. Utilizzavano inoltre un account di posta elettronica di gruppo non protetto per accedere a chiavi private riservate e altre informazioni criticamente sensibili.

2. Appropriazione indebita dei pagamenti dei clienti

Dopo che la dichiarazione di fallimento ha dimostrato che FTX aveva utilizzato “software per nascondere l’appropriazione indebita dei fondi dei clienti” e ha garantito che Alameda era esclusa da “alcune componenti del processo di auto-liquidazione di FTX.com”, i giorni di roaming di Fried senza Bankman potrebbero arrivare a una fine fine.

3. Bilanci non certificati

I quattro silos del gruppo FTX – o raggruppamenti di imprese – hanno tutti pubblicato rendiconti finanziari trimestrali. “Tuttavia, poiché questo bilancio non è stato verificato e generato quando i debitori erano controllati dal signor Sam Bankman-Fried, non ho fiducia in esso e le informazioni ivi contenute potrebbero non essere corrette”, ha affermato Ray.

4. Fanno prestiti a se stessi

Alameda Research ha concesso prestiti a… se stessa. Ciò include un prestito di $ 1 miliardo a Bankman-Fried, un prestito di 543 milioni di dollari a Nishad Singh. Che era il direttore dell’ingegneria di FTX secondo il suo LinkedIn. Oltre a questo è anche emerso un prestito di 55 milioni di dollari a Ryan Salame, CEO di FTX Digital Markets.

A peggiorare le cose, molti di questi soldi aziendali sono stati sicuramente “usati per acquistare case”.

5. Non esiste una gestione del personale.

Non esisteva un sistema di gestione dei dipendenti e “i debitori non erano in grado di creare un elenco dettagliato di chi lavorava per il gruppo FTX … o dei termini del loro impiego”.

I dipendenti sono stati effettivamente compensati inviando “richieste di pagamento” tramite una “piattaforma di chat online”. I loro manager approveranno le loro richieste e diranno loro del pagamento “tramite emoticon personalizzate”.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Inoltre, Bankman-Fried comunicava spesso di “app configurate per l’eliminazione automatica dopo un breve periodo di tempo e incoraggiava il personale a fare lo stesso”.