L’Australian Securities Exchange speso circa 170 milioni di dollari nella speranza di sostituire il suo strato di invecchiamento con un blockchain, facendo molto discutere gli addetti ai lavori.

Dopo tre anni di sviluppo, l’Australian Securities Exchange (ASX) ha messo in attesa a tempo indeterminato una tecnologia blockchain (DLT) destinata a migliorare il suo vecchio livello di regolamento.

blockchain australia bitcoin
Adobe Stock

La mossa segna la fine di una delle implementazioni più significative della tecnologia di registro distribuito – gergo aziendale per blockchain aziendale – fino ad oggi.

La Commissione coinvolge la blockchain

ASX ha dichiarato mercoledì in una dichiarazione che il suo DLT, che avrebbe dovuto sostituire il suo Clearing House Electronic Subregister System (CHESS) di 25 anni. Semplicemente non ha soddisfatto le aspettative.

Per sviluppare il software, ASX ha firmato un accordo di intesa a tre parti nel 2019. Nell’accord ofigurano la società di blockchain aziendale Digital Asset e il colosso del cloud computing VMware.

Una portavoce di ASX ha affermato che tra i 245 ei 255 milioni di dollari australiani (da $ 165 milioni a $ 171 milioni) spesi per creare la DLT verranno rimossi dal bilancio della società a partire dal prossimo anno.

In precedenza, i fondi erano classificati come attività o passività finanziarie. L’ASX non si aspetta che il risultato abbia un impatto sui dividendi della società. I DLT sono reti private (autorizzate) basate su blockchain; database con diverse parti convalidate distribuite su numerosi nodi fidati che elaborano operazioni all’interno di un sistema chiuso.

Le grandi aziende e altre organizzazioni hanno gravitato verso blockchain senza autorizzazione piuttosto che soluzioni DLT perché garantiscono il potere supremo e il controllo sulle reti che abilitano. Con “blockchain, non Bitcoin” che è stato uno slogan per molti negli ultimi cinque anni.

Rispetto ai sistemi blockchain pubblici (senza autorizzazione) come Bitcoin ed Ethereum, queste reti sono decentralizzate e consentono a chiunque (con la tecnologia appropriata) di unirsi, convalidare e partecipare in altro modo alla rete.

Lo sviluppo di DLT non è escluso

Sebbene le attuali operazioni del progetto siano state interrotte, la portavoce dell’ASX ha affermato che non è stata esclusa un’implementazione DLT in futuro.

“Ripenseremo il design della soluzione con una mente aperta”, ha affermato il rappresentante. “Esamineremo una serie di possibilità e collaboreremo sia con [Digital Asset] che con VMware”.

ASX ha continuamente ritardato l’implementazione della sua tecnologia blockchain DLT.

Più di sette anni fa, il mercato australiano, che sovrintende alla compensazione, al regolamento e alla registrazione di titoli e azioni nel paese, ha iniziato a cercare alternative a CHESS.

La DLT è stata menzionata come la tecnologia scelta per aiutare ad aggiornare i suoi processi verso la fine del 2018. Portando a un accordo formale per sviluppare una soluzione basata su blockchain un anno dopo.

Alcuni consumatori di ASX inizialmente erano contrari alla proposta, sostenendo che l’implementazione della blockchain avrebbe potuto fallire alla fine. Lo scambio ha causato numerosi ritardi nell’implementazione a causa delle preoccupazioni su come avrebbe funzionato il nuovo sistema.

La transizione era originariamente programmata per iniziare nel 2020. La decisione di ASX di annullare la sua DLT è motivata da una revisione condotta dalla società di consulenza IT Accenture. Revisione iniziata nell’agosto di quest’anno e completata all’inizio di questo mese.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Secondo Accenture, i sistemi distribuiti comportano una maggiore latenza, che è esacerbata da diversi livelli come i nodi client, l’applicazione CHESS e il libro mastro stesso, che memorizza i dati transazionali.