A cos’è dovuto l’alto tasso di adozione di criptovalute in Nigeria? La risposta fa riflettere i cripto investitori e le grandi istituzioni.

Secondo l’analisi di KuCoin, un popolare exchange di criptovalute, la maggior parte dei nigeriani non ha accesso ai servizi finanziari. Meno di un adulto nigeriano su quattro ha un conto in banca, secondo un sondaggio del 2018 condotto da EFINA. Dati più recenti mostrano che un numero maggiore di cittadini apre conti bancari. Inoltre, qui ci sono ancora 64 milioni di persone senza banche, secondo la Banca Mondiale.

adozione criptovalute
Adobe Stock

Il governo ha di fatto vietato a determinate industrie di pagare le importazioni utilizzando valuta estera (principalmente dollari USA). E così l’unica opzione per le aziende è il pagamento con criptovalute. Il presidente della Nigeria Muhammadu Buhari lo ha esteso per includere alcuni beni aggiuntivi che riteneva dovessero essere prodotti in Nigeria piuttosto che importati.

Perché l’alto tasso di adozione di criptovalute in Nigeria?

La banca centrale ha dichiarato senz giri di parole: “non date un centesimo a nessuno per importare cibo nel paese“. Questa linea di pensiero – che le persone non dovrebbero pagare per le importazioni utilizzando valuta estera – è coerente con altri paesi in cui le criptovalute sono state rapidamente adottate. Il Pakistan ad esempio si classifica al sesto posto nei tassi di adozione delle criptovalute globali.

Come altri paesi con un basso PIL pro capite, molti nigeriani si trasferiscono all’estero per studiare e trovare un lavoro meglio retribuito. Questo consente loro di inviare denaro a casa sotto forma di rimesse. I dati della banca centrale nigeriana mostrano che le rimesse sono cresciute costantemente nell’ultimo decennio, salendo del 2,6% a 5,03 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2022.

Mentre il governo incoraggia i suoi espatriati a inviare denaro tramite banche commerciali, molti nigeriani sono consapevoli che le banche le commissioni di rimessa – una media del 7,07% nel 2020 secondo la Banca mondiale – intaccano i loro pagamenti e che potrebbero potenzialmente trattenere una parte maggiore dei loro soldi utilizzando invece le criptovalute.

Dovremmo anche considerare l’utilità delle criptovalute nel portare denaro alle persone bisognose, sia che si trovino in una crisi umanitaria, sia in caso di sanzioni.

Le proteste

Nell’ottobre 2020, il governo nigeriano ha affrontato alcune delle più grandi proteste degli ultimi decenni. I manifestanti hanno marciato contro la brutalità della polizia e la famigerata squadra di polizia della SARS (Special Anti-Robbery Squad), che aveva una lunga storia di abusi sui cittadini nigeriani. Le forze dell’ordine hanno usato cannoni ad acqua e gas lacrimogeni per respingere i manifestanti. Più di 50 manifestanti sono stati uccisi, mentre dozzine di membri della società civile e di gruppi di protesta hanno congelato i loro conti bancari. In risposta, e con l’aiuto di famosi sostenitori delle criptovalute come Jack Dorsey, i sostenitori di #EndSARS hanno ottenuto fondi per i manifestanti utilizzando Bitcoin, aiutandoli a evitare le sanzioni e continuare le loro proteste.

Il fatto che questi manifestanti potessero utilizzare le criptovalute per aggirare le sanzioni ha provocato l’indignazione della classe politica nigeriana. Un operatore di piattaforme crittografiche ha parlato con il Guardian in modo anonimo e ha dichiarato:

Sanno che non possono davvero fermarlo. È fuori dal loro controllo e ciò che li spaventa è che non sono abituati a trovarsi in questa posizione“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Successivamente hanno risposto vietando completamente le criptovalute, o almeno così sembrava.