In un tweet ora cancellato in fretta e furia, il famoso short-seller Bill Ackman ha difeso la leadership dell’ex FTX CEO Sam Bankman-Fried e lo ha lodato per la sua responsabilità.

Bill Ackman, noto investitore miliardario, ha “accreditato” l’ex CEO Sam Bankman Fried dell’ormai defunto exchange di criptovalute FTX in un tweet cancellato quasi istantaneamente.

Lo ha elogiato per la sua “responsabilità”, dicendo che “non aveva mai visto un CEO assumersi la responsabilità come fa qui”.

ftx
Adobe Stock

Bill ha rapidamente rimosso il tweet, ma Sam Bankman-Fried ha risposto rapidamente, dicendo che “continuerà a combattere, come meglio può, per gli utenti”. Non molto tempo dopo la risposta di SBF, numerosi Twitterati hanno iniziato a picchiare Ackman, spingendolo a premere il pulsante di eliminazione.

FTX Exchange dichiara fallimento secondo il Capitolo 11

Questo scambio di tweet è arrivato poco dopo che FTX ha dichiarato bancarotta venerdì mattina, adducendo una grave crisi di liquidità.

SBF si è rivolto a Twitter per scusarsi ancora una volta per non aver salvato la sua azienda dal fallimento.

Il patrimonio netto di SBF ha raggiunto il picco di oltre 16 miliardi di dolalri, circa otto volte quello di Ackman. Tuttavia, in seguito alla scomparsa di FTX, la stella un tempo brillante del settore cripto ha perso il 98% dei suoi soldi in un solo giorno.

I mercati delle criptovalute sono stati frenetici nelle ultime 96 ore, soprattutto dopo la diatriba Binance-FTX e il crollo finale dell’exchange di criptovalute FTX.

Fine dei giochi per FTX

Alla fine, il gioco di Sam Bankman Fried’s è terminato, poiché le aziende FTX hanno dichiarato fallimento per il capitolo 11 venerdì 11 novembre. Questa potrebbe essere la scomparsa più rapida di un titano delle criptovalute nella storia del mercato delle criptovalute.

Il CEO di FTX Sam Bankman-Fried si è scusato su Twitter per quello che è successo durante la scorsa settimana. Ha dichiarato:

“Oggi ho presentato procedure volontarie del Capitolo 11 negli Stati Uniti per FTX, FTX US e Alameda. Ancora una volta, mi scuso per averci portato qui. Si spera che le cose cambino. Si spera che questo porti loro un po’ di apertura, fiducia e governance. In definitiva, dovrebbe essere migliore per i clienti.”

Quindi non è chiaro se 1 milione di utenti FTX vedranno mai i loro soldi restituiti. La scomparsa del titano, d’altra parte, lascia un vuoto significativo nel regno delle criptovalute.

Dopo la caduta di FTX, il mercato delle criptovalute è rimasto stabile.

L’annuncio della dichiarazione di fallimento di FTX ha avuto scarso impatto sul mercato delle criptovalute. Dopo una settimana orribile, Bitcoin e tutte le altre principali criptovalute hanno mostrato una volatilità relativamente ridotta nelle ultime 24 ore.

Forse il mercato delle criptovalute ha già reagito a sufficienza, degradando il 20%, o 200 miliardi di dollari, della ricchezza degli investitori in meno di una settimana. Al momento della stampa, Bitcoin veniva scambiato in ribasso dello 0,4% a $16.888, con un valore di mercato di 324 miliardi. È interessante notare che Ethereum (ETH) è aumentato dell’1,69% nelle ultime 24 ore mentre gli investitori tentano di trarre profitto dal minimo dopo un calo del 25% la scorsa settimana.

Mike Novogratz, fondatore di Galaxy Digital e veterano di Wall Street, ha detto alla CNBC del fallimento di FTX:

“Quanto accaduto è dannoso per l’industria. Periodo. L’intero sistema è basato sulla fiducia. Questa tragedia FTX è ancora peggiore per l’infrastruttura crittografica, che consente alle persone di acquistare, vendere, prestare e promuovere criptovalute.”

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Tuttavia, Novogratz ritiene che ora potrebbe essere un buon momento per comprare perché c’è sangue nelle strade. JPMorgan ha anche affermato che il crollo di FTX potrebbe fungere da catalizzatore per il valore di utilità della criptovaluta. “Tutti i recenti fallimenti sono stati causati da attori centralizzati piuttosto che da protocolli decentralizzati”, hanno continuato.