Google Cloud sta aumentando la sua presenza nell’ecosistema Web3 siglando partnership  con altri protocolli nel settore blockchain, tra cui Solana.

Nella sua maniera caratteristica, Google Cloud, una divisione del colosso tecnologico multinazionale americano, Alphabet Inc (NASDAQ: GOOGL) ha annunciato di essere ora un validatore per il protocollo blockchain di Solana.

solana sol
Crypto.it

Come dettagliato dal gigante della tecnologia, creerà molte opportunità di crescita per i protocolli basati su Solana per scalare e connettersi con il resto del mondo.

L’annuncio di Google: la partnership con Solana

Google Cloud ha annunciato la mossa pochi giorni fa, aggiungendo che lancerà un Blockchain Node Engine per il protocollo Solana entro il 2023. La società lo ha descritto come un “servizio di hosting di nodi completamente gestito” per la blockchain di Solana.

“Vogliamo eseguire un nodo Solana in modo conveniente con un clic”, ha affermato Nalin Mittal, product manager di Google Web3, alla conferenza Breakpoint di Solana a Lisbona.

Google ha affermato che i suoi piani per la blockchain di Solana sono solidi e che parteciperà attivamente alla crescita e agli affari della rete. Il colosso tecnologico ha affermato che avrebbe indicizzato tutti i dati di Solana entro la fine del primo trimestre del 2023. Ha anche confermato che dopo l’indicizzazione completa, aggiungerà i dati al suo BigQuery Data Warehouse. Una spinta che “semplificherà le cose”. per consentire all’ecosistema di sviluppatori Solana di accedere ai dati storici”.

Parte dei vantaggi che avranno le startup nell’ecosistema Solana è l’accesso al programma di crediti di Google. Google Cloud ha annunciato che “startup selezionate nell’ecosistema Solana” potranno richiedere fino a 100.000 dollari in crediti cloud.

L’adozione di servizi basati su cloud come substrato per lo sviluppo di un’entità basata su blockchain sta crescendo a un ritmo molto sporadico. Sebbene esistano alternative cloud decentralizzate, la maggior parte degli exchange e dei protocolli preferisce ancora i servizi dell’offerta centralizzata, poiché si ritiene che siano più stabili, sicuri e funzionali in questo momento.

Protocolli Google Cloud e Web3

Google Cloud sta aumentando la sua presenza nell’ecosistema Web3 poiché ha siglato una serie di partnership correlate con altri protocolli nel settore blockchain.

Prima di questo momento, Google Cloud si è rivolto al validatore per Near Protocol, Hedera e Dapper Labs con partnership correlate. Quali Nansen, Blockdaemon, TRM e Coinbase Global Inc (NASDAQ: COIN), tra gli altri.

In qualità di importante leader nei servizi cloud, il supporto di Google va oltre i suoi motori di convalida poiché i sistemi Web3 possono migliorare le proprie operazioni basandosi sulle infrastrutture fornite dal gigante della tecnologia.

“Le aziende e i progetti Web3 scelgono Google Cloud perché è più facile e veloce fare le cose. Riduce la necessità di manutenzione dell’infrastruttura, strumenti personalizzati e operazioni”, ha affermato Google nella sua descrizione dei vantaggi che i protocolli basati su di essa possono ottenere.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La corsa tra i fornitori di servizi cloud per conquistare i protocolli blockchain è in crescita. Google Cloud compete con Amazon Web Services (AWS) e Microsoft Azure nel diventare l’attore dominante per i protocolli Web3. Grazie alla collaborazione con Solana, Google Cloud dimostra di essere un passo avanti nella sua ricerca per raggiungere questo traguardo.