FTX ha ufficialmente dichiarato fallimento negli Stati Uniti, segnando una delle settimane più buie nella storia del mondo crypto.

La società ha ufficialmente presentato istanza di fallimento (chapter 11) negli Stati Uniti. Cosa succede ora?

ftx
Adobe Stock

FTX dichiara fallimento

Secondo l’aggiornamento condiviso sulla sua pagina Twitter, la procedura fallimentare vedrà protagonista Alameda Research, la piattaforma di trading all’avanguardia di Sam Bankman-Fried, oltre a 130 società affiliate.

Lo sviluppo è stato molto scioccante per gli investitori su tutta la linea. Questo poiché FTX è passata da una valutazione di 32 miliardi di dollari, al fallimento in meno di una settimana. Il fallimento è stato archiviato nel distretto del Delaware e ha anche seguito le dimissioni ufficiali di Sam Bankman-Fried da amministratore delegato della società.

La società ha nominato John J. Ray III come nuovo CEO con effetto immediato. Ciò nonostante, Bankman-Fried è destinato a rimanere in azienda per garantire un procedimento molto regolare per il futuro.

Cosa succederà ora?

Il dettaglio del fallimento è contenuto in un documento di 23 pagine che mostra che FTX ha ben 100.000 creditori. La società afferma che le sue attività vanno da 10 miliardi a 50 miliardi di dollari e che anche le sue passività vanno rispettivamente da 10 a 50 miliardi. In una dichiarazione, il nuovo CEO, John, ha affermato che la dichiarazione di fallimento è necessaria per aiutare gli investitori a riprendersi il più possibile in base a come è stata la situazione.

“La dichiarazione di fallimento tramite il Chapter 11 è appropriato per fornire al Gruppo FTX l’opportunità di valutare la propria situazione. Sviluppando successivamente un processo per massimizzare i recuperi per le parti interessate”, ha affermato, aggiungendo che “Il Gruppo FTX dispone di risorse preziose che possono essere amministrate efficacemente solo in un processo organizzato e congiunto. Voglio garantire a ogni dipendente, cliente, creditore, contraente, azionista, investitore, autorità governativa e altre parti interessate che condurremo questo sforzo con diligenza, completezza e trasparenza”.

La caduta di FTX sconvolge l’intero mercato

La caduta di FTX, una volta classificata come il secondo exchange più grande dopo Binance, rimarrà un mistero che molti stakeholder potrebbero non essere in grado di capire.

La gestione operativa della società è stata giudicata un mistero per alcuni dei suoi dirigenti principali, la maggior parte dei quali si è dimessa. Coinspeaker ha riferito in precedenza che Sam Bankman-Fried ha trasferito circa 4 miliardi di dollari ad Alameda Research per il fallimento del salvataggio di Voyager Digital, una mossa che ha fatto senza consultare i suoi dirigenti.

Anthony Scaramucci, un amico di Bankman-Fried, la cui azienda è anche un investitore in FTX, ha affermato di sentirsi ingannato. Ha affermato che la cattiva gestione operativa dei fondi non è stata resa pubblica poiché all’epoca lui e altri investitori stavano sostenendo la società.

Scaramucci ha detto di essere volato alle Bahamas per dare una mano all’amico in difficoltà. Ma ha presto scoperto che i problemi dell’azienda erano al di là di ciò che le immediate iniezioni di denaro potevano risolvere.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Con la dichiarazione di fallimento, FTX ha ora fatto precipitare il destino di BlockFi nell’incertezza. Insieme al futuro dei creditori di Voyager Digital, poiché la filiale statunitense dell’exchange ha vinto l’offerta per i suoi asset alcuni mesi fa.