Sam Bankman-Fried si dimette dalla carica di CEO dell’exchange FTX dopo la bancarotta: proviamo a calcolare l’ammontare totale del danno.

Sam Bankman-Fried ha rassegnato le dimissioni da CEO di FTX, l’exchange di criptovalute che ha costruito in uno dei più grandi al mondo in soli tre anni. La piattaforma e la sua controparte statunitense sono costretti alla bancarotta.

criptovalute crollo ftx
Adobe Stock

Sam Bankman-Fried è fuori dall’exchange di criptovalute che ha fondato e trasformato in una centrale elettrica in soli tre anni. Vediamo bene i dettagli.

SBF si dimette dalla carica di CEO di FTX dopo la bancarotta: calcoliamo i danni

Il 2022 di FTX è iniziato con una sfavillante pubblicità del Super Bowl e un accordo da 135 milioni di dollari sui diritti di denominazione dell’arena dei Miami Heat. Come ben sappiamo, si è concluso con il crollo dell’impero delle criptovalute dell’ex miliardario, e prodigio della criptovaluta nel giro di poco più di una settimana.

Insieme a FTX e FTX US, anche la società commerciale Alameda Research di Bankman-Fried ha dichiarato bancarotta. La seconda borsa valori globale gli ha prestato fino a $10 miliardi, compresi i fondi dei clienti che potrebbero non essere recuperati.

Il crollo è stato un pugno nello stomaco per l’industria. Sia per la sua credibilità a Washington DC, dove ha cercato di convincere i legislatori a costruire un regime normativo leggero per le criptovalute. Sia finanziariamente, poiché ha fatto crollare i prezzi di molti token, con Bitcoin che è sceso sotto i $16.000.

In un annuncio su Twitter dell’11 novembre , il nuovo CEO di FTX Group, John J. Ray III, ha annunciato che le tre società e circa 130 altre società affiliate hanno dichiarato fallimento. Lo hanno fatto secondo il Capitolo 11 “al fine di avviare un processo ordinato di revisione e monetizzazione delle risorse per il beneficio di tutte le parti interessate a livello mondiale”.

Il nuovo CEO ha avvertito che il nuovo gruppo dirigente sta ancora valutando la situazione. Ray – che secondo il New York Times ha esperienza nella gestione del crollo di Enron e del prestatore di mutui subprime ResCap – ha assicurato “ad ogni dipendente, cliente, creditore, contraente, azionista, investitore, autorità governativa e altre parti interessate che condurremo questo sforzo con diligenza, completezza e trasparenza”.

Una breve sintesi dell’accaduto

I problemi di FTX sono iniziati da un articolo di CoinDesk che ha rivelato che la maggior parte degli asset di Alameda erano token FTT emessi dal suo exchange gemello. Il 7 novembre il loro prezzo è crollato, portando l’exchange (del valore di $32 miliardi ad inizio mese) al collasso. Secondo quanto riferito, i debiti dell’exchange ammontano a $8 miliardi di dollari. Secondo la dichiarazione di fallimento del Capitolo 11, le passività di Alameda Research sono comprese tra $10 miliardi e $50 miliardi.

Si tratta d una caduta straordinariamente ripida e veloce per Bankman-Fried, che si era in precedenza affermato nell’industria delle criptovalute.

Bankman-Fried aveva seguito quello che è diventato il playbook sull’insolvenza delle criptovalute, scritto da aziende al collasso tra cui Celsius Network e Voyager Digital nel corso dell’anno.

Sto mettendo insieme tutti i dettagli, ma sono rimasto scioccato nel vedere che le cose si sono sbrogliate come hanno fatto all’inizio di questa settimana”, ha detto Bankman-Fried su Twitter ieri mattina , promettendo un resoconto completo di ciò che è successo.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Nel frattempo, l’ex miliardario spera che la dichiarazione di fallimento presso la Delaware Chancery Court “sia solo il primo passo: iniziare a trovare modi per portare liquidità agli utenti. Questa è la cosa fondamentale per cui sto combattendo in questo momento e per cui continuerò a lottare in tutti i modi possibili“.