In questo articolo parleremo del grande clamore suscitato dalla decisione di OpenSea di non pagare più le royalties ai creator NFT.

In un thread su Twitter, OpenSea, il principale marketplace di NFT, ha annunciato nuove royalties opzionali per i creator. Essendo il più grande marketplace di NFT con un certo margine, il modo in cui OpenSea opera ha un impatto su tutto lo spazio NFT.

opensea nft royalties
Adobe Stock

Il dettagliato thread su Twitter ha aperto un enorme dibattito nella community NFT e segnala un importante cambiamento nell’ecosistema NFT di Web3. Negli ultimi mesi, OpenSea è rimasta in silenzio sull’argomento, ma ora si è finalmente espressa.

OpenSea introduce un nuovo sistema di royalties per i creatori

La piattaforma OpenSea ha comunicato agli utenti che, a partire da martedì 8 novembre, insieme ad altri cambiamenti, lancerà uno strumento per l’applicazione on-chain delle tariffe dei creators (royalties) per le nuove collezioni NFT. Il “test”, della durata di un mese, determinerà se OpenSea taglierà le royalties dei creators per le collezioni esistenti a lungo termine e se passerà a un sistema di royalties opzionale.

Le royalties sono i compensi che gli artisti NFT percepiscono ogni volta che il loro lavoro viene scambiato o venduto. Ciò significa che i creator vengono pagati per la loro arte, anche nelle vendite secondarie. Per gli artisti, questo è estremamente importante e dà loro maggiore libertà finanziaria per creare e produrre opere d’arte di qualità.

Le royalties per i creator sono state uno standard del settore nello spazio web3 quasi fin dall’inizio, anche su OpenSea. Molti ritengono che questa sia una caratteristica essenziale del web3 e che premi chi crea arte, non i collezionisti.

Negli ultimi mesi, diversi marketplace hanno iniziato a riconsiderare il modello e a cercare modi alternativi di operare. LooksRare, il mercato NFT di Ethereum, e Magic Eden, un mercato NFT di Solana, sono passati a un modello di “royalties opzionali“.

Molti artisti dello spazio NFT sono furiosi per questa decisione. L’artista e influencer NFT Ambra Vittoria ha twittato oggi in merito alla situazione. Ha detto: “La società spesso dà più valore all’arte che all’artista. Web3 era il barlume di speranza che la società potesse dare valore anche all’artista (finché siamo in vita). Sono delusa di vedere questa speranza affievolirsi di giorno in giorno“.

Come funzioneranno le royalties opzionali dei creatori di OpenSea?

Martedì 8 novembre OpenSea testerà uno “strumento di applicazione on-chain“. Si tratta di un semplice frammento di codice che i creator possono aggiungere ai futuri contratti NFT e ai contratti aggiornabili esistenti. Inoltre, limita le vendite di NFT ai marketplace NFT che applicano le royalties dei creatori.

Inoltre, OpenSea non applicherà le royalties dei creator per le nuove collezioni che non scelgono di utilizzare lo strumento di applicazione on-chain. OpenSea ha anche dichiarato che non modificherà le collezioni NFT esistenti finoalmeno all’8 dicembre“.

In un post sul blog che descrive i motivi di questa decisione, il CEO di OpenSea, Devin Finzer, ha dichiarato: “È ormai chiaro che le attuali meccaniche di applicazione delle tariffe per i creator non sono sostenibili, né per i marketplace che le applicano né, soprattutto, per i creator stessi“.

Nel lungo e dettagliato thread, OpenSea ha parlato anche di ciò che accadrà dopo la data autoimposta dell’8 dicembre. Hanno detto che per trasparenza, tutte le opzioni sono sul tavolo per il futuro delle tariffe dei creator. Le tasse facoltative per i creator su OpenSea sono una delle opzioni che verranno esplorate.

Alcuni dei più famosi artisti dello spazio NFT si sono già espressi contro i nuovi piani di OpenSea. Ambra Vittoria, BobbyHundreds, Betty_NFT (creatrice di Deadfellaz) e altri hanno espresso le loro preoccupazioni su Twitter.

@betty_nft ha dichiarato: “Dopo aver parlato con @opensea, sembra che non ci sia un piano e non sono state date risposte chiare riguardo alle collezioni esistenti e alle royalties degli artisti. La comunicazione è stata fuorviante e i dati di fatto non ci sono. Fate sentire la vostra voce se la pensate in un certo modo, perché fa la differenza“.

OpenSea è il più grande mercato NFT del mondo e il modo in cui si muoverà con le royalties dei creator avrà un impatto significativo sul mondo del web3. Una cosa è chiara: devono prendersi il tempo di ascoltare gli artisti che creano gli NFT venduti sul loro marketplace.

Infine, senza la libertà degli artisti di creare arte, lo spazio non esisterà. Inoltre, il “feedback della community” che OpenSea dichiara di stare ascoltando è fondamentale per il futuro rapporto tra i creator e il marketplace.

 

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo