Secondo un report, Twitter avrebbe incredibilmente chiesto ai dipendenti licenziati di tornare a lavorare: tutti i dettagli.

Twitter avrebbe iniziato a chiedere ai dipendenti licenziati se sarebbero stati disposti a tornare a lavorare per il social network.

twitter
Adobe Stock

Venerdì scorso, Musk ha twittato: “Per quanto riguarda la riduzione in vigore di Twitter, sfortunatamente non c’è scelta quando la società sta perdendo oltre $4 milioni al giorno“. Vediamo bene cos’è successo.

Twitter ai dipendenti licenziati: “tornate a lavorare!”

Casey Newton ha affermato di aver visto messaggi dell’azienda che chiedevano ai manager di cercare lavoratori che potessero tornare a lavorare sulle sue app iOS e Android.

Nel frattempo, Bloomberg afferma che Twitter è stato in contatto con dozzine di persone licenziate “per errore” venerdì scorso.

Il notiziario afferma che alcuni di coloro a cui è stato dato il benservito sono stati licenziati prima che si rendesse conto che “il loro lavoro e la loro esperienza potrebbero essere necessari” per le nuove funzionalità che Elon Musk desidera implementare.

Ci si aspettava sempre che Twitter facesse licenziamenti. Anche prima che il CEO di Tesla si precipitasse ad acquistare il social network con un accordo da 44 miliardi di dollari.

Ma la velocità e l’entità dei tagli hanno colto molti di sorpresa. Le stime suggeriscono che l’azienda abbia licenziato circa il 50% dei 7.500 dipendenti di Twitter. Tutto questo appena una settimana dopo che Musk ha assunto il ruolo di CEO ad interim.

Nella tarda serata di venerdì, Musk aveva difeso i licenziamenti, twittando:

Per quanto riguarda la riduzione in vigore di Twitter, sfortunatamente non c’è scelta. La società sta perdendo oltre $4 milioni al giorno. A tutti coloro che sono usciti sono stati offerti 3 mesi di licenziamento, che è il 50% in più rispetto a quanto richiesto dalla legge“.

Cosa dice la legge

Nonostante ciò, alcuni esperti hanno avvertito che questi esuberi potrebbero aver violato il diritto del lavoro in alcune giurisdizioni, in particolare nel Regno Unito.

Secondo il co-fondatore e CEO di Valla, Danae Shell, “qualsiasi azienda che cerchi di licenziare oltre 100 persone è tenuta a dare 45 giorni di preavviso e consultazione“.

Ha notato che alcuni di coloro che sono stati licenziati negli Stati Uniti hanno già avviato azioni legali collettive. Inoltre ha previsto che presto potrebbero essere avviati procedimenti simili da parte dei lavoratori inglesi, scrivendo:

Oltre a questo, i dipendenti con più di due anni di lavoro potrebbero sostenere richieste di licenziamento ingiusto e/o costruttivo. Entrambi con premi finanziari aggiuntivi“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Shell ha esortato i lavoratori colpiti a presentare richieste al tribunale. Tutto questo come parte di una ricerca per ritenere l’azienda responsabile “per questa decisione capricciosa e crudele“.