Protocol Labs, tra gli altri, ha contribuito con 3 milioni di dollari in finanziamenti iniziali a Cryptosat. L’obiettivo della startup è lanciare satelliti in grado di trasmettere in modo sicuro i dati calcolati sulla Terra tramite blockchain.

Non è la prima volta che l’industria delle criptovalute sperimenta l’utilizzo dello spazio esterno per scopi di sicurezza. Blockstream, una società di sviluppo di Bitcoin, ha lanciato una serie di propri satelliti per massimizzare il decentramento sulla blockchain di base.

cryptosat satellite criptovalute
Adobe Stock

Cryptosat: una dirompente innovazione per la sicurezza delle transazioni

Molti processi crittografici sono difficili da eseguire. Numeri estremamente grandi, ad esempio, sono ampiamente utilizzati in crittografia, ma generare numeri casuali su un computer è difficile. Ciò rende la generazione delle chiavi dispendiosa in termini di tempo ed espone le vulnerabilità della sicurezza. Se l’hardware che genera il tuo numero casuale è compromesso, anche la tua sicurezza potrebbe essere compromessa.

Esistono numerosi esempi di sistemi che trarrebbero vantaggio da una fonte affidabile, che vanno dalle funzioni di ritardo verificabili a ZK-SNARK. Cryptosat crede che i suoi “oracoli del cielo” saranno quella fonte affidabile di informazioni.

Secondo un recente comunicato stampa, la società ha appena raccolto 3 milioni di dollari per continuare lo sviluppo dei suoi satelliti, il primo dei quali dovrebbe essere lanciato a maggio 2023. Crypto1 ha terminato il suo viaggio dalla Terra con l’assistenza del razzo Falcon 9 di SpaceX.

Yan Michalevsky della società di sicurezza aziendale Anjuna e Yonatan Winetraub di SpaceIL hanno fondato Cryptosat. Nel 2017, i due hanno pubblicato un articolo sulla possibilità che i satelliti trasmettano operazioni crittografiche sensibili e da allora hanno sviluppato il concetto.

Yan Michalevsky ha dichiarato sulla missione di Cryptosat:

“Sfruttando un ambiente che fornisce la massima sicurezza fisica: lo spazio, Cryptosat offre garanzie di integrità, riservatezza e autenticità senza precedenti per le operazioni crittografiche più sensibili”.

Cryptosat sta già lavorando su funzioni di ritardo verificabili ospitate nello spazio con uno dei suoi sostenitori, Protocol Labs. Nel frattempo, una collaborazione con la blockchain Velas compatibile con EVM si concentra sullo sviluppo di un Random Beacon. L’obiettivo della coppia è creare un generatore di numeri casuali a prova di manomissione che possa essere utilizzato da una varietà di app.

La corsa allo spazio cripto continua

I veterani dell’industria delle criptovalute potrebbero ricordare un’altra azienda che ha cercato di massimizzare la sicurezza dallo spazio. Blockstream, una nota società di sviluppo blockchain, ha precedentemente lanciato in orbita diversi satelliti.

A partire da agosto 2017, il satellite Blockstream mirava a fornire accesso gratuito alla rete Bitcoin indipendentemente dalla posizione. Blockstream, come Cryptosat, ha stabilito che al momento è impossibile rimuovere i satelliti dall’orbita. Di conseguenza, lo sforzo è stato compiuto non solo per aumentare l’accessibilità di Bitcoin, ma anche per aumentare la sua resistenza alla censura a livello statale.

Il cofondatore di Blockstream Adam Back, parlando nel 2022 a Bitcoin Amsterdam, ha aggiunto la privacy ai vantaggi:

“Poiché i dati vengono trasmessi, puoi riceverli in modo anonimo e nessuno può dire che lo stai facendo. Quindi questo è un vantaggio per la privacy“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Blockstream ha lanciato altri tre satelliti dal 2017, con il nuovo e migliorato Blockstream Satellite previsto per il lancio nel 2020. La versione aggiornata ha aggiunto una maggiore copertura e la possibilità di sincronizzare un nodo Bitcoin completo senza una connessione Internet.