In questo articolo parleremo del ruolo dell’India all’interno del panorama della rivoluzione del mondo Web3.0.

Una serie di fattori favorevoli pone l’India all’avanguardia nella trasformazione del Web3 a livello globale, si legge in un rapporto di Nasscom, un organismo no-profit di vertice dell’industria tecnologica indiana da 227 miliardi di dollari.

india bitcoin web3
Adobe Stock

A livello globale, le imprese di criptovalute e web3 hanno raccolto oltre 30 miliardi di dollari nel 2021 e sono destinate a raggiungere una base di utenti di 1 miliardo entro il 2030, si legge nel rapporto.

Il rapporto individua nella rapida adozione di nuove tecnologie, nel vasto bacino di talenti e nel robusto ecosistema di startup i fattori chiave che spingono la nazione a ricoprire un ruolo chiave nel mercato globale del Web3.

L’India e il mondo Web3.0

Il rapporto in questione – The India Web3 Startup Landscape: An Emerging Technology Leadership Frontier – è stato redatto congiuntamente da Nasscom e da una società di venture capital Web3, Hashed Emergent.

Secondo il rapporto, l’India ha 450 startup Web3 in totale sparse sul territorio e queste hanno ricevuto 1,3 miliardi di dollari di finanziamenti di rischio in due anni, dal 2020 al 2022. Anche se il 60% di queste startup sono registrate fuori dall’India, almeno il 30% di queste sono nate nell’ultimo anno. Molte di esse hanno progetti DeFi, NFT e Gaming. Le attività Defi sono state particolarmente redditizie, con un valore di 88 miliardi di dollari ricevuti on-chain nel solo 2021, rivela il rapporto Nasscom.

La rapida adozione da parte dell’India delle nuove tecnologie, il suo crescente ecosistema di start-up e il potenziale di talenti digitali su larga scala stanno consolidando la posizione del Paese nel panorama globale del Web3“, ha dichiarato Debjani, presidente di Nasscom, presentando il rapporto a Bengaluru. Il rapporto punta i riflettori sul vasto bacino di talenti Web3 e blockchain dell’India, affermando che esso rappresenta l’11% del mercato globale, il che lo rende il terzo più grande.

Il numero di talenti Web3 dell’India sta crescendo al ritmo più veloce al mondo, con una probabilità di circa il 120% nei prossimi 1-2 anni“, si legge nel rapporto. A livello globale, le imprese di criptovalute e Web3 hanno ricevuto 30,5 miliardi di dollari di capitale di rischio nel 2021. La base di utenti, che attualmente si attesta sui 320 milioni, dovrebbe raggiungere 1 miliardo entro il 2030.

Web3: un problema politico

Il rapporto Nasscom sottolinea la disconnessione tra il crescente ecosistema Web3 e la mancanza di un quadro politico che sostenga e guidi la crescita dei settori crypto e Web3. Mentre le politiche governative incoraggiano le tecnologie blockchain, non è lo stesso per le criptovalute.

Recentemente, la polizia distrettuale indiana ha lanciato un portale di denuncia basato su Polygon per evitare manipolazioni da parte dei funzionari di polizia. Dall’altra parte, il trading di criptovalute è stato gravato da diverse tasse.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La mancanza di chiarezza politica sui Virtual Digital Assets (VDA), che porta a una mancanza di fiducia nei fondatori e negli innovatori. Questo li costringe a spostare la loro base in altri Paesi, non solo sta portando via il mercato, ma anche i talenti e le competenze necessarie in questo settore“.