Dopo il completamento con successo da parte di Ethereum del suo aggiornamento The Merge, è giunto il momento di guardare i token fork nati da questo evento.

L’exchange di criptovalute Poloniex, che era molto attivo nel supportare la possibilità di token fork di Ethereum dopo l’aggiornamento, ha presentato un annuncio.

L’exchange ha affermato di aver deciso di scegliere la chain fork EthereumFair (ETF) “che è supportata dalla maggioranza della comunità”. Non solo il supporto, ma l’ETF ha più prove del lavoro di potenza di calcolo come catena principale per i token ETHW, ha affermato.

merge ethereum
Adobe Stock

L’EthereumFair (ETF) non è lo stesso del token ETHW che Poloniex ha affermato supporterebbe in caso di hard fork dopo l’aggiornamento.

Che cos’è il token EthereumFair (ETF)

A seconda della qualità delle altre chain fork di Ethereum e i relativi token, Poloniex supporterà il trading nei suoi mercati. Di conseguenza, alla moneta precedentemente identificata come potenziale token fork, ETHW, verrà assegnato un nuovo nome. ETHW è stato inizialmente battezzato dopo l’ormai defunto consenso proof of work (PoW) per Ethereum.

Il 15 settembre Poloniex cambierà il nome di ETHW in EthereumFair (ETF) e riprenderà a fare trading sui mercati ETF (ETF/USDT, ETF/USDD e ETF/ETH). I mercati ETF correlati assorbiranno la storia commerciale dei mercati ETHW.

Nel frattempo, Poloniex ha annunciato che avrebbe offerto ulteriori token fork di Ethereum legittimi per il trading nei giorni successivi. Il token ETF non è ancora disponibile per il prelievo o il deposito. Era previsto che ETHW avrebbe gareggiato con Ethereum Classic (ETC) prima di The Merge. Tuttavia, non è chiaro come si sarebbero comportati nel breve periodo, dato il violento crollo dei valori delle criptovalute seguito alla conclusione della fusione.

Probabilità di delisting di ETF

L’exchange ha anche affermato che la catena di fork potrebbe smettere di funzionare a causa della carenza di potenza di elaborazione. La risoluzione può avvenire anche poiché potrebbe non esserci alcun supporto per sviluppatori o community. Ciò potrebbe comportare la perdita di valore dei token fork o la rimozione da Poloniex.

Teniamo sempre a mente che investire o speculare su coin e token molto giovani è sempre un grande azzardo. In genere prima di vedere il listing su exchange importanti, i token e le coin passano un “periodo di prova”, così che solo i più preparati possano giocare con il fuoco tradando asset così tanto rischiosi. Non è stato questo il caso.

Attenzione quindi a maneggiare asset che passano da 5 dollari a 30 in poche ore, per poi ripiombare al punto di partenza e ripetere. Gli operatori esperti in genere possono avere chance di fare grandi affari in situazioni come queste. Ma se da una parte del mercato poche persone o compagnie stanno guadagnando palate di soldi, dall’altra qualcuno quegli stessi soldi li sta perdendo. E di solito non sono certo i grandi operatori.

 

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo, quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.
L’autore, al momento della stesura, detiene esposizioni in Bitcoin e altri asset crittografici, anche legati a quanto trattato nell’articolo.