Coinbase e Lido dominano le ricompense da staking del nuovo Ethereum dopo il Merge: vediamo in dettaglio cosa può succedere.

La nuova blockchain Proof-of-Stake di Ethereum sta affrontando una situazione spiacevole. I numeri suggeriscono che i premi di staking sono dominati da un piccolo numero di players centralizzati. Leggi di più.

Ethereum merge rischi
Adobe Stock

I massimalisti di Bitcoin non hanno reagito bene a queste rivelazioni. Sostengono che questo dimostra che Ethereum sta diventando più centralizzato e che la resistenza alla censura è a rischio. Vediamo cosa può succedere.

Coinbase e Lido monopolizzano lo staking di Ethereum dopo il Merge: cosa rischiamo

Secondo il co-fondatore di Gnosis Martin Köppelmann, Lido attualmente controlla il 27,5% dello staking, mentre Coinbase è al secondo posto con il 14,5%.

Nel complesso, afferma che le prime sette entità controllano oltre due terzi della verifica dei blocchi, un fatto che ha descritto come “piuttosto deludente“. Koppelmann ha aggiunto:

Degli ultimi 1.000 blocchi, 420 sono stati costruiti solo da Lido e Coinbase“.

Successivamente ha lanciato un sondaggio per chiedere ai follower come si sentivano al riguardo. Il 25% ha affermato che andava bene, il 75% ha affermato che questo deve necessariamente cambiare.

I massimalisti di Bitcoin non sono rimasti compresi. Sostengono che questo dimostra che Ethereum sta diventando più centralizzato e che la resistenza alla censura è a rischio.

Ma Köppelmann sostiene che le cose sono ancora peggiori in Bitcoin, poiché solo quattro entità attualmente ricevono il 72% dei premi da mining.

Alcuni – rispondendo ai suoi tweet – hanno affermato che a Köppelmann mancava la questione più ampia.

Non importa quante entità hanno il controllo della maggior parte dei blocchi. 1, 1.000, 1 milione. Non importa. Ciò che conta è che quasi il 90% di tutti i nodi è in esecuzione su AWS“.

I validatori sono tenuti a bloccare 32 ETH per eseguire il proprio nodo, ma questo è un costo inaccessibile per molti. Lo staking attraverso gli exchange è diventato particolarmente popolare in quanto si rivolge agli appassionati di criptovalute con budget inferiori, ed elimina alcune delle barriere tecniche all’ingresso.

Il mese scorso, al CEO di Coinbase Brian Armstrong è stato chiesto su Twitter cosa avrebbe fatto se i regolatori avessero chiesto alla sua piattaforma di trading di censurare le transazioni.

Ha rivelato che avrebbe preferito chiudere del tutto il servizio di staking “e preservare l’integrità della rete” piuttosto che conformarsi, ma ha sottolineato che si trattava di uno “scenario ipotetico che speriamo di non dover affrontare” e che potrebbe essere possibile una sfida legale.

In altri sviluppi, il prezzo di Ether è diminuito in modo piuttosto sproporzionato, indicando che il Merge potrebbe essere stato il classico evento di “sell the news“.

Gli ultimi dati di CoinMarketCap rivelano che ETH è crollato dell’8,54% nelle ultime 24 ore, con perdite che si sono ampliate al 13,64% in un arco temporale di sette giorni.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In confronto, Bitcoin è in calo dell’1,68% nel giorno e del 4,44% nella settimana.