L’Australia sta assistendo a un rapido aumento dell’adozione di criptovalute, ma come ogni volta che una nuova tecnologia si diffonde, i criminali non perdono tempo per utilizzarla in modo malevolo.

Sfortunatamente, con questa ondata arriva un aumento dei crimini finanziari all’interno dello spazio crittografico in Australia.

polizia australia criptovalute
Adobe Stock

Per tenere il passo con questo aumento dei crimini, la polizia federale australiana (AFP) ha formato un’unità dedicata ai crimini legati alle criptovalute.

La nuova unità criminale crittografica australiana si concentrerà sul riciclaggio di denaro

L’Australian Financial Review ha riferito lunedì che l’AFP ha ritenuto la mossa necessaria data l’aumento dei crimini legati alle criptovalute in tutta la nazione. A causa della caratteristica di resistenza alla censura e dell’anonimato delle criptovalute, i criminali hanno iniziato a usarle in quantità per finanziare attività illegali.

L’unità di nuova creazione si occuperà di crimini che coinvolgono criptovaluta e riciclaggio di denaro. L’obiettivo quinquennale della polizia federale australiana di sequestrare fino a 600 milioni di dollari in beni illeciti. Questo risultato non solo dimostra la competenza dell’AFP, ma anche l’allarmante aumento dei reati finanziari.

La Criminal Assets Confisca Taskforce (CACT) è stata istituita dall’AFP per gestire l’operazione. L’AFP ha riferito che da quando hanno fissato il loro obiettivo nel febbraio 2020, hanno sequestrato fino a 380 milioni di dollari in case e aziende, 200 milioni di dollari in contanti e conti bancari e 35 milioni di dollari in beni di fascia alta e criptovalute.

Tre proprietà del NSW, 47 veicoli, tra cui 31 auto d’epoca, e circa 676.000 dollari in lingotti d’oro e d’argento sono stati tutti posti sotto controllo CACT il mese scorso (agosto).

Interviene la polizia

I crimini che coinvolgono le criptovalute sembrano essere in aumento di pari passo con l’adozione di queste. La relativa giovinezza del settore è uno dei principali fattori che contribuiscono a questo aumento della criminalità. La legislazione giusta per trovare un equilibrio tra innovazione e lotta alla criminalità non è ancora definita dai governi di tutto il mondo.

Secondo un rapporto del mese scorso, il 75% delle transazioni finanziarie digitali illecite in Corea del Sud sono legate a criptovalute. In risposta a questa scoperta, la nazione dell’Asia orientale ha aumentato la sorveglianza a livello di settore.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La necessità di una maggiore supervisione è nei piani anche da altre nazioni. Il paese più recente a prendere ulteriori precauzioni al riguardo è l’Australia. Secondo uno studio pubblicato a luglio, i criminali australiani che commettono crimini finanziari legati alle criptovalute rischiano di dover affrontare punizioni più dure.