Commissioni Maker e Taker: chi fa trading o investe su un echange di criptovalute, sicuramente ha notato che c’è una differenza tra le commisioni che si paga per un ordine taker e quelle invece per un ordine Maker.

Le borse e alcuni trader ad alta frequenza sono sotto esame per un sistema di sconti sui prezzi che i regolatori ritengono possa distorcere i prezzi, diminuire la liquidità e costare agli investitori a lungo termine.

Le cosiddette commissioni maker e taker offrono uno sconto sulla transazione a coloro che forniscono liquidità (il market maker). Mentre addebitano ai clienti che prendono quella liquidità (il Taker).

commissioni maker taker
Adobe Stock

L’obiettivo principale delle commissioni maker e taker è stimolare l’attività di negoziazione all’interno di un exchange estendendo alle imprese l’incentivo a pubblicare ordini che incoraggiano il trading.

Taker e Maker

I maker sono spesso società di trading ad alta frequenza i cui piani aziendali si basano fortemente su tattiche commerciali uniche create per ingabbiare i pagamenti. Gli acquirenti sono in genere grandi società di investimento che cercano di acquistare o vendere grandi blocchi di azioni o hedge fund che scommettono su rapide variazioni di prezzo.

Il modello maker-taker è in opposizione alla struttura convenzionale della “priorità del cliente”. Quella cioè che assegna la priorità dell’ordine senza richiedere ai clienti di pagare commissioni di transazione di cambio. Gli scambi impongono commissioni di transazione ai market maker e raccolgono denaro per il flusso degli ordini secondo il modello di priorità del cliente. Quindi, per attirare gli ordini a una borsa specifica, i pagamenti del flusso degli ordini vengono diretti alle società di intermediazione.

I market maker danno la priorità all’esecuzione di ordini limite alla migliore offerta o offerta dopo averli creati, in attesa che vengano eseguiti. Ogni operazione che fanno si traduce in uno spread e cambiano spesso le loro posizioni. I partecipanti al mercato effettuano ordini di mercato, che in genere vengono evasi immediatamente, e danno la massima priorità alla liquidità e alla tempestività. In termini di volume e numero di transazioni, i market taker sono in genere meno attivi dei market maker.

Maker Fee

Gli ordini limite aggiungono liquidità al portafoglio ordini di un titolo quando vengono inseriti in una borsa valori e non vengono evasi immediatamente. Una commissione per il produttore inferiore a una commissione per l’acquirente può essere data da un exchange a un partecipante al mercato che espande l’order book perché un exchange è motivato ad attirare trader e una varietà di ordini sulla loro piattaforma.

In cambio della fornitura di liquidità, il market maker potrebbe essere compensato con uno sconto sulla transazione oltre a una commissione per effettuare un ordine.

Se un ordine commerciale non è immediatamente confrontato con un ordine aperto, viene pagata la commissione del maker. Per assicurarsi di ricevere la transazione dal punto di vista del maker, gli investitori possono pubblicare intenzionalmente ordini limit che differiscono dal prezzo corrente di pochissimo. Tuttavia, la transazione non è regolata immediatamente in cambio di una commissione da maker.

Taker Fee

Un ordine a mercato è spesso eseguito subito dopo il suo piazzamento. Questo tipo di ordine riduce parte della liquidità attualmente disponibile per un titolo su un portafoglio ordini.

Le borse impongono commissioni di acquisto come mezzo per scoraggiare le operazioni dall’annullamento di ordini pendenti. Questo perché ciò è dannoso per la loro capacità di operare data la diminuzione della liquidità del titolo. In generale, la commissione del taker è superiore alla commissione del maker.

Se un ordine commerciale è eseguito immediatamente e rimuove liquidità dal mercato, riceverà la commissione del taker. I trader che vogliono che i loro ordini vengano evasi immediatamente potrebbero essere disposti a pagare commissioni più elevate. In tal caso, il trader utilizzerà un ordine di mercato per eseguire immediatamente la transazione.

Un vantaggio aggiuntivo

La strategia maker-taker risale al 1997, quando Joshua Levine, il creatore di Island Electronic Communications Network, creò un modello di prezzo per incoraggiare i fornitori a negoziare in mercati con spread ridotti.

In questo caso, gli acquirenti pagherebbero una commissione di $0,003 per azione e i maker riceverebbero uno sconto di $0,002 per azione. L’exchange manterrebbe la differenza. Con pagamenti che vanno da 20 a 30 centesimi per ogni 100 azioni negoziate, le strategie di acquisizione degli sconti erano un pilastro degli incentivi di mercato già dalla metà degli anni 2000.

I programmi di determinazione del prezzo del produttore sono utilizzati da borse come la piattaforma Arca Options di NYSE Euronext, la piattaforma NOM di Nasdaq Inc. e la borsa di opzioni statunitense fondata da BATS Global Markets.

Cboe Options Exchange e International Securities Exchange Holdings, Inc., entrambe sussidiarie di Cboe Holdings, Inc., utilizzano il sistema di priorità del cliente.

Potenziali distorsioni di prezzo

I detrattori della pratica sostengono che tali sconti rendono i prezzi denaro/offerta pubblicamente visibili sul mercato imprecisi. Alcuni detrattori e critici della pratica notano che i trader ad alta frequenza sfruttano gli sconti acquistando e vendendo azioni allo stesso prezzo per trarre profitto dallo spread tra gli sconti che maschera la vera price discovery degli asset.

Altri sostengono che i pagamenti dei maker producano liquidità falsa attirando individui che sono interessati solo agli sconti e che scambiano a malapena azioni.

Uno studio dei professori di finanza Shane Corwin e Robert Battalio dell’Università di Notre Dame e Robert Jennings dell’Università dell’Indiana hanno identificato agenti di cambio che indirizzavano abitualmente gli ordini dei clienti ai mercati che offrivano i migliori pagamenti. Hanno scoperto che quando gli agenti di cambio indirizzavano le operazioni per massimizzare i benefici degli sconti, la qualità dell’esecuzione degli ordini ne risentiva.

In che modo è possibile evitare le commissioni di Maker-Taker?

Le commissioni Taker sono ridotte al minimo inserendo ordini limit a un prezzo di innesco che costruisce un portafoglio ordini. Invece di essere addebitati per prendere liquidità tramite ordini di mercato, i market maker possono ricevere un pagamento per costruire la liquidità di una piattaforma.

Quali sono le commissioni Maker-Taker?

Le commissioni del maker sono le spese di transazione sostenute durante il posizionamento e l’evasione degli ordini. Sono gli addebiti o i pagamenti che un exchange effettua in cambio dell’utilizzo o della fornitura di liquidità sull’order book della piattaforma.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In conclusione

Nonostante un aumento dell’utilizzo dalla loro introduzione alla fine degli anni ’90, il futuro dei sistemi di commissioni maker-taker è ancora incerto perché accademici, istituzioni finanziarie e politici hanno chiesto un controllo normativo del modello di tariffazione, che potrebbe comportare modifiche significative alla pratica.