La Corea del Sud rimane attiva nella sua lotta contro i crimini nel paese che riguardano il mondo di Bitcoin e delle criptovalute.

Questo aumento degli sforzi arriva in un momento in cui il paese sta vivendo un’ondata di crimini nel settore. Le autorità hanno recentemente sgominato un mercato della droga che utilizzava diverse criptovalute come mezzo di pagamento a fini di anonimato.

corea sud criptovalute
Adobe Stock

La polizia ha arrestato 4 persone e ne ha accusati 82 senza detenzione come esito dell’operazione.

La polizia sudcoreana stringe la morsa

Come riportato da un notiziario locale, l’Agenzia nazionale di polizia di Gyeongbuk della Corea del Sud ha accusato 86 persone coinvolte in un’organizzazione criminale legata al traffico di droga. Per quattro delle 86 accusate, persone di grande interesse, sono sono scattate immediatamente le manette. Tre delle quattro persone le cui identità sono state protette dal rapporto vendevano e facevano regolarmente uso di droghe.

I tre hanno tutti meno di 30 anni. Degli 86, la polizia ha accusato 82 senza detenzione. Le 4 persone di interesse hanno aperto un mercato della droga in un canale Telegram nel maggio 2021. I prodotti includevano metanfetamina e cannabis lavorata. Per mantenere l’anonimato, il pagamento della droga avveniva in Bitcoin (BTC).

I venditori hanno utilizzato una procedura chiamata “throwing method” (metodo di lancio) per consegnare gli stupefacenti dopo il pagamento. La procedura prevedeva il deposito della droga in strutture all’aperto come idranti antincendio e cassette delle lettere. Successivamente, l’acquirente si sarebbe recato nel luogo specificato in Corea del Sud per ritirare i farmaci. Secondo il rapporto, i venditori hanno realizzato profitti dalle vendite per un totale di 100 milioni di won (circa 72.000 dollari).

La Corea del Sud prende di mira i crimini crittografici con il programma di monitoraggio delle risorse digitali

Le autorità sudcoreane hanno notato che la maggior parte degli 82 acquirenti aveva tra i 20 e i 30 anni. Le forze dell’ordine hanno anche appreso che gli autori di reato non avevano precedenti penali. La maggior parte di loro si abbandonava all’atto per curiosità. L’uso delle criptovalute come pagamento evidenzia il crescente tasso di abuso dell’industria delle stesse in Corea del Sud. Nonostante le droghe siano in ogni caso il suo obiettivo principale.

La Corea del Sud sta cercando di mettere un ulteriore livello di sorveglianza sui pagamenti in criptovalute nel suo “Programma di monitoraggio delle risorse digitali”. Il mese scorso, la Corea del Sud ha notato che il 75% delle transazioni illegali nel 2022 erano legate alle criptovalute. Con il crescente tasso di adozione delle criptovalute nel paese arriva un’ondata di crimini legati alle criptovalute.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La Corea del Sud non è l’unico paese ad affrontare un aumento dei crimini crittografici. Questo mese, la polizia federale australiana (AFP) ha rivelato l’intenzione di creare un’unità crittografica. L’unità avrebbe il compito di concentrarsi sui reati legati alle criptovalute. La mossa arriva in un momento in cui il paese sta assistendo a un aumento dei crimini crittografici.