La scorsa settimana il braccio di ricerca della Federal Reserve statunitense ha pubblicato un paio di articoli esplorando due argomenti relativi alle criptovalute. Finanza decentralizzata e le ramificazioni della stabilità finanziaria delle risorse digitali.

La Fed degli Stati Uniti e la sua leadership hanno spinto per una maggiore supervisione dell’industria delle criptovalute. In particolar modo circa il contesto dei suoi legami con il settore finanziario in generale.

fed defi cefi
Adobe Stock

Il suo articolo sulla stabilità finanziaria ha toccato la regolamentazione, con gli autori che suggeriscono una supervisione più rigorosa per le aziende che gestiscono i fondi dei clienti.

La nots della Fed sulla stabilità finanziaria

Lo studio ha concluso che “la supervisione, l’informativa completa e i requisiti patrimoniali e di liquidità, ove appropriato, potrebbero migliorare la resilienza delle entità all’interno dell’ecosistema delle risorse digitali”. Ad esempio, le criptovalute centralizzate che agiscono come controparti per gli utenti al dettaglio all’interno dell’ecosistema delle risorse digitali sono in genere esenti da requisiti di capitale. Liquidità o divulgazione completa incluse.

Il documento di stabilità affermava che, sebbene l’ecosistema delle criptovalute sia “incline all’accumulo di vulnerabilità finanziarie”, i rischi per la stabilità finanziaria non sono “ampi” perché l’ecosistema per le risorse digitali “non fornisce servizi finanziari significativi e le sue interconnessioni con la finanza tradizionale sistema sono limitati”.

Gli autori, tuttavia, hanno notato che tali rischi potrebbero aumentare in futuro.

I rischi per la stabilità finanziaria potrebbero materializzarsi rapidamente se il sistema finanziario digitale diventasse più integrato con quello consolidato. O qualora aumentasse la gamma di servizi finanziari che offre, hanno avvertito.

La DeFi al centro

Informazioni dettagliate sull’ecosistema DeFi sono disponibili nel documento “Decentralized Finance (DeFi): Transformative Potential & Associated Risks”. Evidenzia il potenziale di rischi per la stabilità a lungo termine, rilevando la rapida crescita del settore delle criptovalute.

La DeFi non si è ancora sviluppata al punto da diventare sistematicamente importante, secondo gli autori, che hanno notato che la fornitura di servizi finanziari su blockchain pubbliche e senza autorizzazione è progredita in modo significativo dall’invenzione del bitcoin. “Tuttavia, il rapido aumento dell’importanza di tali blockchain suggerisce che i responsabili politici dovrebbero iniziare a dare una gamma completa di problemi di stabilità finanziaria. Rischi che potrebbero sorgere se tali attività diventassero di importanza sistemica”.

Infine, gli autori hanno aggiunto: “Le prove suggeriscono che la DeFi sfrutterà rapidamente tutte le opportunità redditizie indipendentemente dalle preoccupazioni di vigilanza. Poiché i responsabili politici decidono quali attività (come dollari e titoli registrati) consentire su blockchain pubbliche senza autorizzazione. Inoltre, nello scenario in cui le blockchain pubbliche si sviluppano per offrire una gamma completa di servizi valutati in criptovalute, le autorità di vigilanza (come la Federal Reserve) potrebbero non disporre degli strumenti necessari per garantire il rispetto di leggi e regolamenti. La DeFi causerà inevitabilmente interruzioni della stabilità finanziaria, ma politiche pianificate con attenzione potrebbero ridurre la gravità di queste interruzioni .”

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La pubblicazione dei due documenti amplia il corpo di lavoro che il team di ricerca della Fed ha precedentemente messo a disposizione del pubblico. Gli argomenti passati hanno incluso i potenziali vantaggi e svantaggi di una maggiore adozione di stablecoin. Nonché i modelli di utilizzo della criptovaluta dei cittadini statunitensi.