Un pool defi di staking e tre exchange di criptovalute centralizzati rappresentano quasi due terzi del totale degli ETH bloccati per proteggere la rete prima del Merge.

Gli staking pool di Ethereum sono stati un modo popolare, anche se alquanto controverso, per gli investitori senza i fondi o il know-how sufficiente, per ottenere lo stesso i premi dei validatori di rete delegando i propri ETH in staking.

E c’è stato tutto il tempo per essere coinvolti dall’attività. La fusione, che dovrebbe iniziare la prossima settimana, è in preparazione da anni.

ethereum staking pool
Adobe Stock

Il Merge sposterà l’attuale modello di mining proof-of-work di Ethereum, che richiede molta potenza per eseguire le piattaforme minerarie che elaborano le transazioni, in un meccanismo di consenso proof-of-stake che dovrebbe utilizzare oltre il 99% di energia in meno, secondo la Fondazione Ethereum.

Il Merge di Ethereum e l’avvento dei validatori

Quando la rete principale di Ethereum effettuerà tale passaggio, i validatori, anziché i miner, saranno responsabili dell’approvazione delle transazioni e dell’aggiunta alla blockchain. Questi validatori riceveranno premi per l’assistenza nella sicurezza della rete, proprio come fanno i minatori.

Tuttavia, il diventare un validatore comporta un’elevata barriera all’ingresso e un rischio significativo. Per diventare un validatore e mantenere hardware e software per evitare sanzioni per i tempi di inattività, gli investitori dovrebbero depositare 32 ETH in garanzia (per un valore attualmente di circa 52.000 dollari). Per ovviare a questo problema, sono stati creati staking pool.

I partecipanti devono bloccare i propri Ethereum delegandoli ad una terza parte, come Lido Finance o Coinbase, per poter partecipare. Queste organizzazioni utilizzano il denaro per creare validatori e gestire i costi associati alla manutenzione dei nodi. In cambio, mantengono una parte dei profitti e distribuiscono il resto ai depositanti.

Quanti ETH ci sono in staking sulla Beacon Chain

Secondo la società di analisi blockchain Nansen, a partire da venerdì pomeriggio c’erano più di 422.000 validatori unici e 13,5 milioni di ETH per un valore di 22,3 miliardi di dollari i nstaking sulla Beacon Chain.

Lido Finance controlla il 30% degli ETH in staking, Coinbase il 15%, Kraken l’8% e Binance il 7% degli ETH in staking globali.

Insieme, queste quattro entità detengono più del 60% di Ethereum in staking.

Considera gli staking pool come fondi di investimento immobiliare per coglierne le implicazioni. Le persone possono ottenere esposizione a investimenti immobiliari attraverso un REIT senza doverlo acquistare a titolo definitivo e dividere i profitti.

Ma se quattro REIT detenessero una quota del 60% del mercato immobiliare, è semplice vedere come potrebbe essere il mercato se anche uno di loro decidesse di vietare a determinati individui di acquistare e affittare case.

L’idea di sicurezza attraverso la decentralizzazione viene minata quando un piccolo numero di entità controlla gruppi considerevoli di validatori. Motivo per cui gli staking pool hanno attirato così tanta attenzione prima della fusione di Ethereum.

Ecco i quattro più grandi staking pool di Ethereum (aggiornati alle rilevazioni del 2 settembre):

4,2 milioni di ETH, Lido Finance

Lido Finance è stato di gran lunga il pool di staking più apprezzato con il suo Staked ETH (stETH). Il token di staking liquido è stato introdotto da Lido alla fine del 2020, poco prima che fosse lanciata la Beacon Chain. I depositanti di ETH ricevono stETH, che possono vendere, scambiare o prestare mentre il loro ETH è tenuto bloccato con Lido.

Etherescan stima che oltre 98.000 diversi portafogli contengano stETH.

2 milioni di ETH su Coinbase

Dall’aprile dello scorso anno, Coinbase ha reso disponibile lo staking di Ethereum. Tuttavia, l’azienda ha rivelato un’opzione di staking liquido due settimane fa: Coinbase Wrapped Staked ETH (cbETH).

Mostra un comportamento simile a quello di stETH e può essere impegnato come sicurezza nei protocolli di prestito finanziario decentralizzato. Secondo CoinMarketCap, a partire da venerdì, cbETH era detenuto in 880 diversi portafogli e aveva una capitalizzazione di mercato di 936 milioni di dollari.

1,1 milioni di ETH per Kraken

Dopo che la Beacon Chain proof-of-stake è stata lanciata nel dicembre 2020, Kraken ha annunciato che i suoi clienti avevano messo in staking altri 100.000 ETH prima del merge. Quella somma è decuplicata.

Kraken non ha un’opzione di staking liquido come Lido, Coinbase o Binance. In effetti, un avviso che informa gli utenti che non possono annullare lo staking del proprio Ethereum fino a dopo l’unione è stato aggiunto alla sezione delle domande frequenti della pagina.

L’esposizione di Kraken agli staking pool, tuttavia, è maggiore di quanto potrebbero suggerire gli 1,1 milioni di ETH. Staked, la cui controllata statunitense, Staked.US, rappresenta 405.600 ETH in staking, è stata acquisita da Kraken nel dicembre 2021.

904.608 ETH su Binance

Alla fine del 2021, Binance ha emesso Binance Beacon ETH (bETH) ai depositanti di Ethereum che si sono uniti al suo pool di staking.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Poiché i token bETH supportano lo staking liquido, gli utenti possono usarli sulla Binance Smart Chain, una sidechain di Ethereum, proprio come farebbero con Ethereum normale. BscScan riporta che attualmente lo detengono 8.939 diversi portafogli.