Il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin ha dato due motivi per cui è preoccupato per la salute a lungo termine di Bitcoin sottolineando le questioni relative alle commissioni di transazione e ha sostenuto che la proof of stake è più efficiente.

Il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin è preoccupato che il livello di sicurezza di Bitcoin non sta per essere abbastanza forte negli anni a venire. In un’intervista con lo scrittore di economia Noah Smith, Buterin ha dato due motivi per cui è preoccupato circa il futuro di Bitcoin.

vitalik buterin bitcoin
Criptomercato.it

La prima è che la sicurezza a lungo termine di Bitcoin passerà lentamente dalle ricompense di mining alle spese di transazione. Questo poiché le ricompense derivanti dal mining di Bitcoin continuano ad essere abbassate ogni quattro anni.

Tuttavia, ha sostenuto che le attuali commissioni di transazione non sono abbastanza alte da fornire lo stesso livello di sicurezza necessario.

Vitalik Buterin sul futuro di Bitcoin

“In primo luogo, a lungo termine, la sicurezza Bitcoin sta per venire interamente da tasse, e Bitcoin non è solo riuscendo a ottenere il livello di entrate fiscali necessarie per garantire quello che potrebbe essere un multi-trilione di dollari di sistema,” ha detto Vitalik Buterin.

Buterin ha sottolineato che Bitcoin al momento produce circa 300,000 dollari al giorno in commissioni di transazione. Una cifra che però non è cresciuta in modo sostanziale negli ultimi cinque anni. Anche se in certi momenti è salito fino a 21 milioni di dollari al giorno. Al contrario, i miner di Bitcoin attualmente guadagnano circa 18,5 milioni di dollari per ogni giorno di attività.

La seconda affermazione di Buterin è che la proof of stake è una forma di sicurezza più efficace per una rete blockchain rispetto alla tradizione proof of work. Mentre Ethereum è programmato per passare alla proof of stake questo mese, è probabile che ciò non accada mai a Bitcoin perché la maggior parte dei bitcoiner è fermamente contraria. Buterin è rimasto in ogni caso ottimista sulla probabilità che ciò accada.

La posta in gioco è enorme

Per quanto riguarda le differenze tra la proof of work e la proof of stake, Buterin ha riconosciuto che effettivamente quest’ultimo meccanismo di consenso ha rischi di centralizzazione naturalmente maggiori.

“Anche se credo che le persone le esagerino, queste sono sicuramente cose che mi preoccupano”, ha detto Buterin.

Buterin ha risposto a queste obiezioni sottolineando alcuni problemi con lo stato attuale dello staking su Ethereum– Come il fatto che i prelievi non sono ancora possibili. Ma ha anche notato che questi problemi saranno risolti entro il prossimo anno circa.

Ha continuato equiparando lo staking al mining e affermando che le grandi operazioni di mining sono collegate a governi particolari. Aumentando di fatto che la possibilità di una futura censura possa creare problemi. Qualcosa con cui anche Ethereum è alle prese, del resto.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’era altamente democratica della prima proof of work, ha continuato, “è stata una cosa bellissima e ha notevolmente contribuito a rendere la proprietà della criptovaluta più egualitaria, ma è insostenibile e non tornerà”.