Secondo un’analisi di Arcane Research, il futuro consumo energetico della rete di bitcoin (BTC) dipende fortemente dalle quotazioni di mercato.

Entro il 2040, se il prezzo del bitcoin raggiunge i 2 milioni di dollari, potrebbe utilizzare 894 TWh di energia all’anno. Tuttavia, se il prezzo di BTC dovesse salire fino a 500.000 dollari entro il 2040, verranno utilizzati solo 223 TWh all’anno.

bitcoin consumi energetici
Adobe Stock

Nonostante un aumento di 20 volte del prezzo di Bitcoin, l’energia che consuma attualmente e di circa il doppio.

Il consumo di energia di Bitcoin è fortemente influenzato dal prezzo di BTC

Il 23 agosto, l’analista di Arcane Research Jared Mellerud ha condiviso informazioni sul consumo energetico di Bitcoin nel 2040 e su come il prezzo di BTC avrà un impatto significativo sul consumo energetico.

Il futuro consumo di energia di Bitcoin è ampiamente influenzato dal prezzo di BTC, dalle commissioni di transazione, dalla percentuale delle entrate dei miner che viene spesa per l’energia e dal prezzo medio dell’energia.

Il consumo energetico annuo sarà di 894 TWh se il prezzo di un bitcoin raggiunge i 2 milioni di dollari entro il 2040. Rispetto ai livelli attuali, si tratta di un aumento di 10 volte. Inoltre, invece dell’attuale quota dello 0,05%, Bitcoin potrebbe contribuire allo 0,36% del consumo energetico globale stimato nel 2040.

Tuttavia, se Bitcoin dovesse mostrare un rally rialzista e il prezzo raggiungere i 500.000 dollari entro il 2040, a seguito di sviluppi positivi e del dimezzamento di Bitcoin per gli halving. Il consumo energetico annuo sarà quindi di 223 TWh, ovvero poco più del doppio del livello attuale.

È interessante notare che in uno scenario ribassista, il consumo di energia “dimezza a 45 TWh all’anno o lo 0,02% del consumo energetico globale”. A causa dell’halving, il prezzo di Bitcoin (BTC) potrebbe raggiungere almeno i 100.000 dollari entro il 2040.

Le commissioni incidono sui consumi di Bitcoin

Il futuro consumo energetico di Bitcoin sarà influenzato anche dalle commissioni di transazione. A $ 100.000, ogni 0,1 BTC aggiuntivo di commissioni di transazione per blocco comporta un aumento del consumo di energia di 7 TWh.

Allo stesso modo, se il prezzo di Bitcoin raggiunge i 2 milioni di dollari entro il 2040 e le commissioni di transazione non cambiano, rappresenterà lo 0,36% del consumo energetico globale.

“Un enorme aumento rispetto all’attuale 0,05%, ma ancora ben al di sotto delle previsioni del giorno del giudizio offerte da alcuni scettici e detrattori di Bitcoin”.

Ma il consumo di energia rimarrà al di sotto della quota di consumo di energia del 2% del settore manifatturiero del cemento. 4.238 TWh del consumo energetico mondiale sono destinati alla produzione di cemento.

Il prezzo di BTC raggiungerà mai livelli così alti?

Tra l’adozione diffusa, il prezzo di Bitcoin (BTC) ha raggiunto il suo massimo storico di $ 68.789. Il prezzo è attualmente compreso tra $ 21k e $ 25k, ma si prevede che aumenterà a causa del dimezzamento del bitcoin.

Solo quando il prezzo del bitcoin raggiungerà qualche milione di dollari, il mining di bitcoin diventerà una significativa fonte di consumo energetico. Mentre i costi di transazione si basano sull’uso di BTC come mezzo di scambio, il prezzo di BTC si basa sulla domanda del mercato.

Le tecnologie future che offrono sicurezza, protezione, valore e velocità valgono bene l’investimento energetico dello 0,36%.